Autore: Fabio Antonio Cerra

Cosa fa la Polizia postale e come si effettua una denuncia

Reati informatici: cosa bisogna fare e dove bisogna recarsi per sporgere denuncia o presentare una segnalazione?

La Polizia postale e delle comunicazioni nasce nel 1981 come corpo speciale della Polizia di Stato. Il compito principale del corpo specializzato di Polizia era quello di prevenire e reprimere i crimini verso il Ministero delle poste e delle telecomunicazioni: venivano scortati i furgoni blindati che portavano i soldi alla Posta e si vigilava sul trasporto di grosse somme di denaro effettuato tramite le Ferrovie dello Stato.

In seguito alla privatizzazione del servizio delle poste italiane, il corpo cambiò denominazione per chiamarsi «Polizia Postale e delle Comunicazioni» (fino al 1998, Polizia Postale).

Nel corso del tempo, i compiti e le attività svolte dal corpo di Polizia sono mutati. Al giorno d’oggi, è impossibile parlare di comunicazione senza tenere in considerazione la diffusione della Rete nella nostra società. Internet è diventato, infatti, una presenza sempre più ingombrante nella vita quotidiana delle persone, ma al tempo stesso nasconde pericoli ed insidie costanti da cui è difficile difendersi. Ed è qui che la Polizia postale e delle comunicazioni opera ed assume un ruolo fondamentale.

Attualmente, a livello operativo il Servizio di Polizia postale e delle comunicazioni è organizzato in distinte aree d’intervento, tra i quali ricordiamo:

  • Pedopornografia: dove vengono raccolte le segnalazioni e coordinate le indagini sulla diffusione in Internet, o tramite altre reti di comunicazione, delle immagini di violenza sessuale sui minori; vengono inoltre stilate ed aggiornate le black list dei siti web pedofili.
  • Cyberterrorismo: dove si esegue un attento monitoraggio della Rete, al fine di intercettare il sempre più diffuso utilizzo delle nuove tecnologie di comunicazione da parte dei gruppi antagonisti ed eversivi nazionali e stranieri.
  • Copyright: per scovare i numerosi servizi Internet che consentono la circolazione e la diffusione illegale di file e di opere dell’ingegno
  • Hacking: per bloccare sul nascere coloro i quali utilizzano la Rete Internet per danneggiare o per colpire i terzi tramite l’utilizzo della Rete stessa
  • Giochi e scommesse on line: attraverso un’attenta analisi dei siti dedicati alle scommesse online si individuano le attività non autorizzate dal Ministero delle Finanze - Amministrazione autonoma monopoli di Stato.

TI POTREBBE INTERESSARE: E’ reato creare profili falsi sui social?

Come effettuare denuncia alla Polizia postale

Per effettuare una denuncia riguardo i reati informatici occorre recarsi in uno degli uffici della Polizia postale presenti sul territorio nazionale, esponendo la circostanza di reato con maggiori dettagli possibili.

Sul sito Internet della Polizia postale è previsto anche un meccanismo per sporgere la denuncia online: a fronte della compilazione di un apposito modulo messo a disposizione sul portale informatico, si potrà sporgere denuncia direttamente da casa, così da accelerare i tempi e le modalità di presentazione della stessa. Completata la procedura online, il sistema genererà una ricevuta telematica con cui bisognerà presentarsi all’ufficio della Polizia postale scelto per integrare la denuncia.

La compilazione della denuncia online, da sola, non sarà bastevole: l’atto di denuncia assumerà valore legale solo con la successiva e necessaria sottoscrizione del cittadino dinanzi l’ufficiale di polizia.