Autore: Luca D

Italia - Coronavirus

Coronavirus, le previsioni degli esperti: picco vicino, si ritornerà alla normalità a metà maggio

L’Einaudi Institute for Economics and Finance (Eief) ha condotto un’indagine epidemiologica e statistica ed ha previsto, regione per regione, il giorno in cui si arriverà a zero nuovi contagi. La sconfitta del virus è prevista per metà maggio.

L’Einaudi Institute for Economics and Finance (Eief) è un centro di ricerca dell’Università di Roma che nella mattinata di oggi ha pubblicato i risultati di una ricerca epidemiologica e statistica. Sfruttando i dati relativi all’epidemia in Cina e le caratteristiche del virus che sono state scoperte in questi mesi di ricerche, l’Eief è riuscito a prevedere l’andamento futuro dell’epidemia in ogni singola regione italiana basandosi sui dati rilasciati giornalmente dalla protezione civile. La premessa più importante è che questi dati danno per certo che, per il periodo in esame, continueremo a rimanere in casa e a rispettare le regole dettate dal governo.

Le previsioni dello studio: il giorno-zero per ogni regione

I dati riportati nella tabella indicano il giorno in cui, secondo i calcoli, si dovrebbe arrivare a zero contagi in ognuna delle regioni italiane. Ciò non significa che in quel giorno ci saranno zero contagi all’attivo ma che non ci sarà nessun nuovo contagio rispetto alla giornata precedente, sintomo che l’epidemia è in fase d’arresto. Le prime regioni a registrare zero contagi dovrebbero essere Basilicata, Liguria e Puglia che potrebbero raggiungere tale obiettivo tra il 7 e il 9 aprile.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: aggiornamenti, nuovi numeri e polemiche

Le ultime regioni a raggiungere questo obiettivo saranno quelle con il maggior numero di casi quindi Lombardia, il cui giorno zero è previsto per il 22 aprile, Emilia Romagna e, per ultima, la Toscana. In Toscana, a differenza di quanto accade nelle altre regioni, la curva epidemica si sta abbassando meno velocemente del previsto. Stando a ciò, il giorno zero dovrebbe arrivare ad inizio maggio, probabilmente intorno al 5.

L’Italia dovrebbe uscire da questo periodo buio intorno a metà maggio

Gli ultimi dati riportati in tabella prevedono il giorno in cui il numero dei contagi verrà azzerato su scala nazionale, ossia il giorno in cui non ci saranno più persone infette da SARS CoV 2. Come specificato dagli autori dello studio, questo dato va preso con le pinze in quanto diverse variabili potrebbero influenzarlo. In linea di massima ci libereremo dal nuovo coronavirus intorno a metà maggio, tra il 5 e il 16.

Gli stessi autori specificano che i dati e le previsioni scaturiti da questo studio verranno aggiornati tra una settimana esatta. Tra 7 giorni sarà più chiaro ancora l’andamento della curva epidemiologica e si riuscirà a capire se le prime previsioni riguardanti le regioni Liguria, Puglia e Basilicata verranno rispettate o meno.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: indennizzo anche per il lavoro nero? Ecco l’analisi

Un altro aspetto da sottolineare è che i dati relativi alle singole regioni possono variare notevolmente da un giorno all’altro, di conseguenza anche queste date relative alle singole regioni potrebbero essere modificate. Molto più attendibili sono invece i dati relativi all’intera nazione, di conseguenza il risultato più importante ottenuto tramite questo studio è che intorno al 15 maggio l’Italia dovrebbe uscire dalla crisi e sconfiggere una volta per tutte il coronavirus.