Autore: B.A

15
Feb

Coronavirus, ecco il primo morto in Europa, è successo in Francia

Il primo decesso da coronavirus fuori dall’Asia è capitato in Francia.

E fu così che il coronavirus ha mietuto la prima vittima in Europa. Un morto in Francia a causa del pericoloso virus cinese, questa la notizia del giorno che fa montare la preoccupazione ancora di più di quanto in genere si pensava da Parigi si dicono molto preoccupati. Ecco gli ultimi aggiornamenti sull’epidemia da Covid-19.

Il primo decesso in territorio europeo

C’era da aspettarselo, perché sembrava inevitabile che tra i tanti infetti in giro per l’Europa, il coronavirus non aveva ancora provocato morti in territorio europeo. La notizia arriva dalla Francia, dove e deceduto il primo paziente affetto da Coronavirus. È il primo morto al di fuori dell’Asia, e ne ha dato notizia direttamente il governo transalpino.

TI POTREBBE INTERESSARE: Cosa sapere sul Coronavirus: domande frequenti, sintomi e ultime novità

È stata la ministra della Salute francese Agnes Buzyn a dare per prima la notizia del decesso di un cittadino cinese di 80 anni. L’uomo, contagiato da virus, era arrivato in Francia il 16 gennaio e proveniva proprio dalla Provincia di Hubei, la zona epicentrale dell’epidemia da coronavirus.

L’uomo era ricoverato in Francia dal 25 gennaio, giorno in cui si manifestarono nell’uomo i primi sintomi. Date di arrivo in Francia e di scoperta del contagio che adesso fanno molto discutere, soprattutto per quanto riguarda il periodo di incubazione del virus su cui i pareri scientifici sono molti e piuttosto differenti. Il periodo di incubazione è terribilmente importante, non fosse altro per il fatto che durante questo lasso di tempo, un contagiato può infettare gli altri, anche non manifestando i sintomi tipici dell’infezione.

È allarme rosso anche in Europa

Il paziente negli ultimi giorni era peggiorato notevolmente per via del coronavirus di cui era infetto. Il Ministro della Salute d’oltralpe ha dichiarato che la Francia e l’Europa tutta devono fare in modo che i loro sistemi sanitari siano preparati e pronti ad una diffusione epidemica del coronavirus. Nel frattempo, anche sotto la spinta dell’opinione pubblica mondiale, la Cina continua a diramare i dati del contagio con cadenza giornaliera.

L’ultimo bollettino aggiornato sulla epidemia è di 63.851 contagiati, e di quasi 1400 vittime. Di questi decessi, compreso quello di Parigi, sono quattro quelli fuori dalla Cina. In Cina sono state registrate 1.380 morti, la stragrande maggioranza a Wuhan e nella intera provincia di Hubei. Il virus però ha fatto infetti anche a Hong Kong e in Giappone, dove solo sulla nave da crociera da giorni ormeggiata a Yokohama, ci sono 218 infetti.

Ci sono 58 contagiati a Singapore, 33 in Thailandia, 28 nella Corea del Sud. Il virus però è uscito dai confini asiatici perché si contano 15 contagi negli Usa, 16 in Germania, 2 in Russia, 3 in Italia, 11 in Francia, 2 in Spagna ed uno ciascuno in Svezia e Finlandia. Notizia confermata di ieri è il primo caso di contagio in Africa, precisamente in Egitto.