Autore: B.A

Coronavirus - Germania

23
Giu

Coronavirus Germania: nuovo lockdown in terra tedesca, salgono i contagi nel distretto di Guetersloh

L’emergenza coronavirus torna a preoccupare seriamente la Germania che chiude una vasta zona per via di un pericoloso focolaio.

In Brasile corre il contagio da Coronavirus, in Cina c’è il ritorno tanto temuto e pure in Germania un focolaio sta facendo tremare i polsi dei tedeschi, costretti a tornare a chiudere una zona del loro territorio. La pandemia mondiale di coronavirus non cessa si fare paura, dagli Usa alla Cina, dall’India all’America Latina. Fa notizia soprattutto quello che sta accadendo in Germania, dove sembrava che l’epidemia fosse sotto controllo ed invece, è bastato un mattatoio per causare un focolaio di enormi dimensioni.

Oltre 1.500 nuovi contagiati per il focolaio al mattatoio vicino Dortmund

Nuovo lockdown in Germania, che riguarderà il distretto di Guetersloh. Si tratta, come riportano le autorità tedesche, della prima volta che la Germania ritornerà a chiudere una zona da quando si è deciso di allentare le prime misure restrittive varate. In Germania, verrà sottoposto di nuovo al lockdown il distretto di Guetersloh, come confermato dal presidente del Land, Armin Laschet.

Si tratta del distretto sede del focolaio esploso nel mattatoio di Toennis, che continua a salire come numero di contagiati. Come riporta il quotidiano romano «il Messaggero», sono 1.535 i contagi registrati collegati al mattatoio. Il numero è salito di oltre 500 casi in 24 ore, passando dai precedenti 1.032 casi registrati fino a ieri ai 1.535 di oggi, con un incremento di 503 nuovi casi. Dati ufficiali perché diramati dall’agenzia che in Germania, sotto incarico della Cancelleria, ha il compito di monitorare la pandemia in territorio tedesco, cioè il Robert Koch Institute.

LEGGI ANCHE: Dopo il Covid, il festival di Yulin non si ferma: migliaia di cani verranno massacrati

La situazione Covid in Cina

I morti collegati al Covid-19 nelle ultime 24 ore negli Stati Uniti d’America sono stati 425. È quanto emerge dai dati della John Hopkins University, secondo la quale i contagi totali negli Usa hanno raggiunto i 2,31 milioni. Morti che portano il triste bilancio della pandemia in territorio statunitense al triste primato di 120.393 decessi complessivi da inizio epidemia. La Cina, con i suoi nuovi contagiati di rientro e non, fa sapere di 22 nuovi casi nelle ultime 24 ore, di cui 13 di trasmissione locale a Pechino e nove importati o di ritorno.

In Cina i contagi di rientro (quelli che provengono da gente arrivata in Cina anche dall’Europa) adesso sono implementati da un focolaio interno, nato al mercato all’ingrosso di Xinfadi, che ormai conta 249 casi di trasmissione locale. Ieri le autorità di Pechino hanno confermato che circa 2,3 milioni di abitanti della capitale sono stati sottoposti ai test per il Covid-19 tra il 13 e il 19 giugno, pertanto è lecito aspettarsi un incremento dei numeri nelle prossime giornate e con i prossimi bollettini. Sempre dalla Cina però, non si hanno notizie di nuovi decessi con il numero delle morti per e con il coronavirus che sono fermi a 4.634. In totale però salgono i casi di contagi da Covid, arrivati ad 83.418 con 78.425 pazienti dichiarati guariti.