Autore: Luca D

Stati Uniti - Russia - Coronavirus

Contagi di nuovo in aumento negli USA ma Trump riprende la campagna elettorale

Continua a peggiorare la situazione in America Latina, salgono i nuovi contagi anche negli USA.

Stando ai dati diffusi dall’OMS queste settimane sono le peggiori per quanto riguarda l’emergenza coronavirus a livello planetario. Secondo alcune stime dell’organizzazione nell’arco di tempo tra giugno e luglio si raggiungerà il picco a livello mondiale. Queste indicazioni dell’OMS, per ora, sono state confermate dai dati che registrano un aumento di casi e decessi in molte regioni del mondo.

Nuovi contagiati in aumento negli USA, ma Trump riprende la campagna elettorale

Il New York Times lancia l’allarme. Mentre gli Stati Uniti sono stati sconvolti dalla morte di George Floyd e dalle proteste e manifestazioni che l’hanno seguita, il nuovo coronavirus non si è fermato. Secondo il New York Times il numero dei casi sarebbe tornato a crescere negli ultimi giorni e la curva potrebbe tornare a rialzarsi nuovamente. In particolare, le curve di ben 21 dei 50 stati della federazione avrebbero già invertito la tendenza e si starebbero nuovamente dirigendo verso l’alto. Il numero totale dei casi registrati negli Stati Uniti dall’inizio dell’emergenza ha superato quota 2 milioni.

Nel frattempo, Donald Trump continua a minimizzare sia l’impatto che il virus sta avendo sulla società americana che l’entità delle proteste che per intere giornate hanno messo a ferro e fuoco tutti gli Stati Uniti. Dal 19 giugno, Donald Trump riprenderà la sua campagna elettorale a Tulsa, in Oklahoma e proseguirà successivamente in Florida e Arizona. Trump avrebbe deciso di velocizzare la ripresa della campagna visto che gli ultimi sondaggi registrano un aumento dei consensi del candidato avversario Joe Biden a causa degli ultimi avvenimenti.

55.000 contagi nelle ultime 24 ore in America Latina

Il nuovo focolaio più pericoloso su scala mondiale è l’America Latina. Complice Il Brasile di Jair Bolsonaro e dei sistemi sanitari non all’altezza di quelli europei, il numero dei contagi e dei decessi in America del Sud sta aumentando con una velocità incontrollabile. I casi accertati sono 1,5 milioni, l’incremento nelle ultime 24 ore è stato di oltre 55.000 unità. Il numero totale delle vittime in America del Sud supera le 70.000 unità, di questi ben 40.000 sono stati registrati in Brasile. Questi dati, però, vanno presi con le pinze e probabilmente i numeri reali sono decisamente superiori a questi per una serie molto lunga di motivi. Mentre il Brasile si appresta a raggiungere quota 800.000 contagi, i numeri continuano ad essere preoccupanti anche in Perù, Cile e Messico.

Anche in Russia la situazione non lascia intravedere dei miglioramenti. Nonostante le misure adottate il numero dei nuovi contagiati continua a salire velocemente. Nei giorni di picco tale dato superava le 10.000 unità, mentre negli ultimi giorni si sono registrati circa 8.000 nuovi casi al giorno. Segnali preoccupanti giungono inoltre dal Pakistan dove per il secondo giorno consecutivo sono stati registrati oltre 5.000 nuovi contagi.