Concorso per Psicologi presso il Corpo Sanitario dell’Esercito Italiano

Concorso per Psicologi presso il Corpo Sanitario dell'Esercito Italiano

Il Ministero della Difesa ha indetto un concorso per reclutare 10 Sottotenenti Psicologi che andranno a lavorare presso il Corpo Sanitario dell’Esercito Italiano.

Il Ministero della Difesa italiano ha indetto un Bando Straordinario per reclutare 10 Sottotenenti Psicologi. I candidati potranno rispondere a questo bando fino al 17 giugno 2021. Il Concorso per Psicologi presso il Corpo Sanitario dell’Esercito Italiano permetterà a dieci soggetti di essere reclutati in servizio permanente con questo ruolo speciale.

Uno dei dieci posti disponibili è riservato al coniuge o ai figli oppure ai parenti in linea collaterale di secondo grado del personale delle Forze Armate e delle Forze di Polizia che è deceduto in servizio.

Concorso Psicologi Corpo Sanitario dell’Esercito: i requisiti

Per poter partecipare al Concorso Psicologi per il Corpo Sanitario dell’Esercito Italiano, i candidati dovranno essere in possesso di alcuni specifici requisiti specificati nel Bando come segue:

  • essere cittadini italiani
  • avere meno di 35 anni
  • godere dei diritti civili e dei diritti politici
  • non essere stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti da un impiego presso la Pubblica Amministrazione
  • non essere obiettori di coscienza
  • non essere stati condannati per delitti non colposi
  • non essere stati sottoposti a misure di prevenzione
  • essere incensurati
  • non aver avuto dei comportamenti scorretti nei confronti delle Istituzioni democratiche

Per quanto concerne i titoli di studi, per accedere al Concorso è necessario essere in possesso della Laurea Magistrale in Psicologia. È anche necessario possedere l’abilitazione all’esercizio della professione di Psicologo.

Concorso Psicologi per l’Esercito Italiano: la selezione

All’interno del Bando del Concorso Psicologi per l’Esercito Italiano è specificato che lo svolgimento dello stesso Concorso avverrà svolgendo alcune prove. Tali prove sono:

  • prova scritta di cultura generale e militare;
  • accertamento scritto di lingua inglese;
  • prova scritta di cultura tecnico-professionale;
  • valutazione dei titoli;
  • prove di efficienza fisica;
  • accertamenti sanitari;
  • accertamento attitudinale;
  • prova orale.

Durante le prove scritte, i candidati dovranno rispondere ad alcune domande a risposta multipla. Tali quesiti hanno lo scopo di dimostrare di conoscere la lingua italiana, gli argomenti di attualità, l’educazione civica, la storia e la geografia, la matematica e anche le norme utili per entrare a far parte delle Forze dell’Ordine.

Lo stesso giorno della prova scritta generale verrà effettuato anche un accertamento scritto della lingua inglese.

Ci sarà poi una prova scritta di cultura tecnico-professionale. Questa comporterà lo svolgimento di un componimento che tratterà di materie tecnico-professionali specificate all’interno del Bando del Concorso.

Le prove scritte verranno fatte presso il Centro di Selezione e Reclutamento Nazionale dell’Esercito, caserma “Gonzaga del Vodice”, viale Mezzetti n. 2, Foligno. Il calendario con le date delle prove verrà pubblicato sul portale online dei concorsi.

La prova orale verrà svolta esclusivamente da coloro che avranno superato la prova scritta e che avranno superato anche le prove di efficienza fisica, gli accertamenti sanitari e gli accertamenti attitudinali. La prova orale riguarderà le materie che sono specificate all’interno del Bando.