Cercatore di funghi trovato morto in provincia di Firenze

Cercatore di funghi trovato morto in provincia di Firenze

In Calabria, invece, salvato un altro cercatore di funghi grazie a SMS locator

Ci sono due vicende del weekend che parlano di cercatori di funghi. Una purtroppo finita male in Toscana e l’altra con un esito positivo che ha avuto luogo in Calabria.

Cercatore di funghi deceduto a 83 anni vicino Firenze

Era andato in cerca di funghi, ma nelle ultime ore se ne erano perse le tracce. Nella giornata successiva a quella in cui era stato dato l’allarme, il suo corpo è stato ritrovato senza vita da un cacciatore. Il fatto si è verificato nel comune di Vicchio in Mugello, in provincia di Firenze. L’uomo deceduto aveva 83 anni.

Morte cercatore di funghi in Toscana addebitabile a cause naturali

Stando a quanto riportato dal Corriere Fiorentino il decesso dell’uomo sarebbe avvenuto per cause naturali. Nel momento in cui era stata data notizia della sua scomparsa erano state attivate le ricerche, con grande impegno da parte degli organi specializzati e le forze dell’ordine. In particolare si è registrato l’intervento dei Vigili de Fuoco con personale Tas, cinofili e Carabinieri

Cercatore di funghi disperso in Calabria, allarme arrivato sabato alle 14.45

Situazione analoga, ma con esito fortunatamente più felice, quella avvenuta più a Sud: in Aspromonte. Nella zona dei boschi di Pesdavoli, in provincia di Reggio Calabria, era stato dato l’allarme per la scomparsa di un uomo che si trovava con un compagno di avventura alla ricerca di funghi.

L’allarme è arrivato attorno alle 14.45 di sabato ed è scattata la macchina di salvataggio con i Carabinieri Forestali e la Stazione Aspromonte del Soccorso Alpino e Speleologico Calabria impegnati nelle operazioni. Il fatto che l’uomo, di 78 anni, avesse con sé il proprio telefono cellulare, ha permesso l’utilizzo di Sms Locator.

Localizzato grazie alla tecnologia il cercatore di funghi calabrese

Questo ha permesso di avere contezza di quali fossero le coordinate precise del punto in cui si trovava l’uomo. Una volta individuata la posizione, i volontari e le forze dell’Ordine hanno potuto raggiungerlo, pur trattandosi di un’area non facile per via delle conformazione impervia del territorio.

Il settantottenne è stato trovato in buone condizioni, con l’unica problematica derivante dalle temperature non troppo miti che hanno dato sensazione di freddo all’uomo, rimasto in attesa di essere recuperato.

Decisivo, come si può evincere dall’andamento delle cose, la possibilità dell’utilizzo di Sms Locator. Uno strumento a disposizione dei soccorsi, qualora ci sia la possibilità di appoggiarsi ad un telefono che è in grado di ricevere un sms da cui può essere aperto un link che invia la posizione ai soccorritori sfruttando la precisione del Gps.

Uno strumento che, anche in base a quanto si può evincere dai fatti, permette salvataggi e localizzazioni molto più agevoli. Anche se c’è da affrontare un’area di difficile perlustrazione come un bosco dove altrimenti le ricerche rischiano di essere complicate.