Bonus vacanza 2021: tutte le novità in arrivo con il decreto Sostegni bis

Bonus vacanza 2021: tutte le novità in arrivo con il decreto Sostegni bis

Con l’introduzione del decreto Sostegni bis, il bonus vacanze potrà essere spendibile anche nelle agenzie viaggi e tour operator.

Arrivano delle novità per quanto riguarda il bonus vacanza, la misura preventivata nel 2020 dall’ex governo Conte, per dare sostegno al settore del turismo durante il periodo di pandemia. L’agevolazione prevede un bonus di un importo che varia da 150 a 500 euro, a seconda dei componenti del nucleo familiare, un importo che può essere speso presso le strutture convenzionate presenti sul territorio italiano.

Bonus vacanza: ecco quali sono le novità per il 2021

Nel primo anno, secondo i dati, non sono state utilizzate tutte le risorse stanziate per il bonus vacanza, pertanto nel 2021, con il nuovo Governo Draghi, è stata considerata l’ipotesi di ampliarne le possibilità di utilizzo.

Qualche mese fa era già stato accennato dal ministro del turismo, Massimo Garavaglia, adesso invece, con l’approvazione del decreto Sostegni bis, il bonus vacanza potrà essere spendibile non solo negli hotel, b&b e agriturismi ma anche nelle agenzie viaggio e nei tour operator.

Nel 2020, è stata utilizzata soltanto una parte del fondo previsto per il finanziamento del bonus, ciò significa che la maggior parte dei richiedenti non ha utilizzato l’agevolazione. Per questi motivi, con il decreto Milleproroghe, è stata inserita anche la proroga per il bonus vacanza, in modo di avere la possibilità di utilizzarlo fino al 31 dicembre 2021.

Ma con un emendamento inserito nel decreto Sostegni, è stata riportata una modifica che prevede l’introduzione di un’ulteriore prorogafino al 30 giugno 2022. Ovviamente la proroga del bonus vacanza vale per chi ne ha fatto richiesta entro la fine del 2020 e non l’ha ancora utilizzato. Il turismo è sicuramente uno dei settori che ha risentito maggiormente degli effetti della pandemia, per questo è stato necessario prendere nuovi provvedimenti, da parte del Governo.

“Skytg24” ha riportato le dichiarazioni del ministro del turismo Massimo Garavaglia: «Tante risorse non erano state utilizzate, ma noi non vogliamo che resti neanche un centesimo inutilizzato. Il bonus vacanza aiuta le famiglie con il reddito basso a poter andare comunque in vacanza. Non possiamo permetterci di avere risorse non spese, dopo averle stanziate».

Bonus vacanza: come funziona e chi può richiederlo

Il bonus può essere richiesto da tutti coloro che hanno un Isee inferiore ai 40 mila euro, certificato attraverso la dichiarazione sostitutiva unica. L’agevolazione è spendibile una volta sola per ogni nucleo familiare.

Il bonus vacanza è riconosciuto all’80% sotto forma di sconto immediato al momento del pagamento presso strutture convenzionate come alberghi, b&b, agriturismi, agenzie viaggi e tour operator presenti sul territorio italiano, il rimanente 20% potrà essere scaricato come detrazione di imposta nella dichiarazione dei redditi.

L’importo spendibile varia a seconda dei componenti del nucleo familiare, più precisamente: 150 euro per un solo componente; 300 euro per un nucleo familiare composto da due persone; 500 euro per i nuclei familiari composti da tre o più persone.