Bologna, scippa una donna in stazione ma è sua sorella

Bologna, scippa una donna in stazione ma è sua sorella

Una ragazza di 24 anni ha denunciato di aver subito una rapina sulla stazione di Bologna, ma una delle borseggiatrici è risultata essere sua sorella

Un furto dai risvolti tragicomici quella avvenuta nei giorni scorsi a Bologna: a seguito dell’attività della Polizia Ferroviaria, due borseggiatrici di 19 e 26 anni sono state arrestate e denunciate per rapina.

La vittima, una ragazza di 24 anni di origini rumene, si era infatti rivolta agli agenti della Polfer dopo aver subito uno scippo mentre si trovava in stazione.

Secondo la denuncia presentata dalla giovane, mentre si trovava presso il binario 6 della Stazione di Bologna, due donne l’avrebbero aggredita, strappandole via la borsa.

Dopodichè le due si sarebbero date alla fuga. Una ricostruzione che è stata confermata dalle immagini registrate dall’impianto di videosorveglianza della stazione felsinea.

La vittima conosceva le due borseggiatrici

E’ qui che però che la vicenda prende una piega abbastanza bizzarra. Mentre gli agenti interrogavano la vittima hanno notato che questa aveva iniziato a comportarsi in modo strano.

Dopo aver provato a sviare le domande che le venivano poste, la 24enne è stata non solo costretta a confessare di conoscere entrambe le donne che l’avevano rapinata, ma anche ad ammettere che una di quelle borseggiatrici era sua sorella.

A quel punto le forze dell’ordine hanno avviato una ricerca per rintracciare le due. Poche ore più tardi le borseggiatrici sono state rintracciate all’interno di un campo nomadi nella periferia della città e sono state denunciate per rapina.

Emilia-Romagna, le attività svolte dalla Polfer nell’ultima settimana

La settimana appena conclusasi ha visto gli agenti del Compartimento Polizia Ferroviaria per l’Emilia-Romagna portare a termine diverse operazioni nel corso delle quali sono state controllate 3.200 persone. Contestualmente, 37 persone sono state denunciate mentre sono state elevate 79 violazioni amministrative.

Le attività hanno visto impegnate sull’intero territorio regionale 300 pattuglie in uniforme e in abiti civili. Sono invece 30 i treni presenziati. Presso la stazione di Ferrara, nel corso di un servizio congiunto tra Polfer e unità cinofile della Polizia Locale, finalizzato alla prevenzione e al contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, sono stati ritrovati tra i binari circa 30 grammi di marijuana.

Gli agenti sono riusciti a risalire alla persona che ha occultato la droga attraverso la visione delle telecamere di sicurezza presenti sul posto. Un cittadino nigeriano è stato denunciato in stato di libertà per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

Sulla stazione di Piacenza, invece, la Polfer ha dovuto effettuare un intervento per sedare una violenta lite tra due senzatetto, un 25enne marocchino ed un 35enne di origine sarde. Quest’ultimo sarebbe stato colpito al volto con un manico di scopa che gli ha procurato un trauma cranico e 15 giorni di prognosi.

Dopo averlo identificato, il 35enne è risultato destinatario di un mandato di cattura per vecchi reati ed è stato quindi arrestato. Una volta ristabilito sarà accompagnato presso la casa circondariale locale, dove dovrà scontare una pena di quasi 2 anni di reclusione. Per il 25enne, invece, è scattata invece la denuncia per lesioni aggravate.