Autore: Elisa Cardelli Ceroni

Coronavirus

Babbo Natale visita una casa di riposo in Belgio ma è positivo al Covid: 121 contagiati e 18 morti

Un volontario vestito da Babbo Natale ha fatto visita agli anziani di una casa di riposo del Belgio, ma l’uomo, risultato positivo al Covid-19, ha contagiato più di 100 persone tra pazienti e personale.

In Belgio, precisamente a Mol, città di circa 33mila abitanti, un volontario vestito da Babbo Natale ha fatto visita a una casa di riposo per anziani dove erano presenti 180 ospiti.

I dirigenti della struttura volevano regalare un momento di felicità agli anziani ospiti e così avevano organizzato una festa di Natale, ma purtroppo l’evento si è trasformato in una vera e propria tragedia perchè l’attore chiamato per impersonare Santa Claus non era stato prima sottoposto al tampone.

Tre giorni dopo la visita, l’uomo vestito da Babbo Natale ha scoperto di essere positivo al Covid-19, ma ormai era troppo tardi: aveva ormai contagiato gli ospiti e il personale della casa di riposo.

Nella struttura si è diffuso un focolaio che ha registrato 121 persone contagiate (di cui 36 operatori) e ha portato alla morte di 18 anziani, gli ultimi cinque decessi avvenuti fra la vigilia e il giorno di Natale. Il numero di decessi è destinato probabilmente a crescere ancora in quanto sono molti gli anziani che attualmente versano in condizioni gravi.

Numerose le critiche rivolte all’iniziativa

L’iniziativa benefica ideata dai dirigenti della casa per anziani era stata pensata per dare gioia agli ospiti facendo portare dei doni da un attore vestito da Babbo Natale.

Purtroppo però nessuno si era assicurato di sottoporre l’uomo a un tampone di controllo prima di farlo entrare in una struttura che, proprio come le RSA, ospita persone dalla salute instabile. Nonostante sia stata pensata per migliorare l’umore dei pazienti e organizzata con le migliori intenzioni, l’iniziativa è stata organizzata in maniera non abbastanza attenta e ha quindi messo a repentaglio la vita degli anziani ospitati.

Un’ulteriore critica è legata al modo in cui è stata gestita la presenza dell’attore vestito da Babbo Natale all’interno della struttura. I presenti all’evento hanno infatti pubblicato numerose foto sui social network senza rendersi conto che stavano mostrando come l’organizzazione fosse sbagliata e assolutamente pericolosa.

Nelle foto si vede infatti che non tutti gli anziani indossavano la mascherina, inoltre Babbo Natale e i suoi aiutanti spesso non rispettavano il distanziamento sociale. Questa mancanza di attenzione avrebbe quindi favorito il contagio portando la comparsa di un focolaio all’interno della struttura per anziani.

Le autorità locali stanno indagando i dirigenti della casa di riposo, che si sono detti sconvolti per l’accaduto. «Diversi laboratori stanno attualmente cercando di determinare la fonte delle infezioni, ma non ho ancora ricevuto i risultati» ha affermato Win Caeyers, sindaco della cittadina in cui è presente la casa di riposo al centro della bufera.

In attesa di saperne di più, il governo belga ha intanto inviato una squadra di medici nella speranza di contenere il contagio e l’emergenza scoppiata ormai da molti giorni, infatti la notizia dei primi 60 infetti è del 15 dicembre.