Abbonamento Dazn, doppio dispositivo: cambiamenti in vista ?

Abbonamento Dazn, doppio dispositivo: cambiamenti in vista ?

Si parla di uno stop alla così detta concurrency

Dazn potrebbe non consentire più l’accesso ai suoi contenuti da due dispositivi contemporaneamente con un singolo abbonamento. È essenzialmente questa l’indiscrezione che, in data 9 novembre, è stata pubblicata da Il Sole 24 ore. Per capire, però, cosa e quando potrebbe cambiare le cose è bene fare il punto della situazione.

Dazn trasmette in esclusiva la maggior parte delle partite di Serie A

Dazn è il servizio noto per la possibilità di vedere la Serie A in streaming a pagamento. Buona parte delle gare della massima serie calcistica italiana sono trasmesse in esclusiva. L’abbonamento, al momento, costa 29,99 euro al mese e dà accesso ad una piattaforma che, tra le altre cose, propone i contenuti Dazn, la Serie B, la Liga Spagnola, la Coppa Libertadores solo per restare in tema calcio.

Concurrency Dazn, cosa dicono le condizioni di utilizzo

Andando a spulciare quelle che sono le condizioni di utilizzo attualmente presenti sul sito dazn.com, tra i termini proposti appare una dicitura molto chiara. «L’abbonamento - si trova scritto al punto 8.3 - dà diritto all’utilizzo del Servizio DAZN su un massimo di due (2) dispositivi contemporaneamente».

«L’utente accetta - si legge poco più avanti - che i dati di login siano unici per lo stesso e non possano essere condivisi con altri». Si tratta della cosiddetta concurrency, già utilizzata da molti servizi che operano in streaming a pagamento come ad esempio Netflix.

Semplificando la dicitura contrattuale e proiettandola sulla vita quotidiana: è possibile che magari in una stessa famiglia due persone possano guardare contemporaneamente la squadra per cui ognuno tifa se queste giocano contemporaneamente. Ognuno con il proprio dispositivo scelto: smart tv, tablet, smartphone. Una facoltà che permette anche evidentemente di ottimizzare i prezzi.

Ci sono, però, dei cambiamenti in vista. Tuttavia, è bene fare il punto della situazione per capire cosa potrebbe accadere.

Dazn, cosa potrebbe cambiare

«A quanto risulta al Sole 24 Ore, sta per mettere fine - si legge sul sito -del quotidiano alla possibilità di concedere a due utenze collegate allo stesso abbonamento di accedere ai contenuti contemporaneamente da due device che si trovano a distanza l’uno dall’altro».

Dopo che la notizia ha iniziato a diffondersi già da qualche ora non si è, per il momento, registrata alcuna comunicazione ufficiale da parte dell’azienda. Dazn, secondo quanto anticipa Il Sole 24 Ore, sarebbe pronta ad inviare ai propri utenti una comunicazione con cui anticipa il cambiamento.

L’utenza verrebbe così informata in maniera tale da avere la possibilità di esercitare il diritto di recesso entro trenta giorni.

La sospensione della facoltà di utilizzare il doppio dispositivo potrebbe, a quel punto, diventare realtà a partire da metà dicembre. Ma attenzione perché tra le ipotesi che circolano c’è quella che parla del fatto che potrebbe restare la funzione di utilizzo doppio, a patto che si usi la stessa connessione.

In sostanza all’interno di una stessa famiglia due persone che sono nella stessa casa, connesse al medesimo modem o comunque linea, potrebbero continuare ad usufruire della doppia visione.

Tra i motivi che si ipotizzano possano portare ad una decisione di questo tipo ci sarebbe la necessità di limitare l’utilizzo fraudolento degli accessi con l’obiettivo anche di agire a tutela del valore dei diritti televisivi. Ma si attendono comunicazioni ufficiali.