Autore: Regina Straccia

Pensione

3
Dic

Bonus pensione di 154,90€ : a chi spetta l’incremento di dicembre

A partire da 2 dicembre verranno accreditati ad una cerchia ristretta di persone il bonus di 154,90 oltre a tredicesima e pensione, vediamo a chi spetta la maggiorazione.

A partire da lunedì 2 dicembre 2019, in ritardo di un giorno rispetto al consueto pagamento perché giornata festiva, saranno accreditate le pensioni con un aumento. La tredicesima è il supplemento monetario rivolto a tutti i titolari di assegno di pensione e, a partire dal 2 dicembre, verrà accreditata insieme alla pensione e al bonus di 154,94 euro. Ma non per tutti, infatti, solo alcuni pensionati potranno usufruirne.

Il bonus di dicembre spetta infatti a quelle persone, titolari di assegno di pensione che nel 2019 hanno percepito un’assegno di importo totale pari e non superiore a euro 6.669,13 €.
Ma attenzione il bonus di euro 154,94 può valere non nella sua totalità anche se la pensione riscossa per il 2019 ha un importo che va dai 6.669,13 ai 6.824,07 euro. In tal caso il bonus può essere comunque accreditato, ma calcolando la differenza tra l’importo percepito e quello minimo di riferimento.

Dal 2 dicembre quindi, oltre alla pensione e alla tredicesima, si potrà accedere al bonus ma bisognerà tener conto anche del reddito. Infatti hanno diritto al bonus di 154,94 euro i pensionati con un reddito (calcolato per una persona) inferiore a 10.003,70 euro. Se invece i pensionati hanno un coniuge, il valore totale del reddito familiare non dovrà essere superiore a 20.007,39 euro.

Bonus pensione 154,94 euro: chi non può riceverlo

Il bonus di 154,94 euro è erogato dall’Inps ed è stato introdotto con legge 388/2000. Tale bonus è un plus aggiuntivo alla tredicesima, ma è rivolto solo ai titolari di assegni di pensione minime. Non spetta quindi a chi riceve pensione di invalidità civile, pensione sociale, assegno sociale, rendita facoltativa di vecchiaia, rendita facoltativa di inabilità, pensioni di vecchiaia e di invalidità, pensioni per le casalinghe, assegni di esodo e isopensione.