Autore: Paola Marttey

Aggressione - Movimento 5 Stelle - Comune di Roma - Roma - Virginia Raggi

11
Gen

Aggressione in pieno centro storico romano

Roma pericolosa: un giovane giornalista dell’Adnkronos tra le vittime di una violenta aggressione in pieno centro nella Capitale.

Paura e tensione nella serata di martedì 9 gennaio per i turisti e passanti, mal capitati che si trovavano nel luogo sbagliato al momento sbagliato.

Un trentenne, originario de L’Aquila, ha sferrato la sua furia su un gruppo di ragazzine, una coppia di turisti e un giornalista. Secondo i testimoni, l’uomo litigava al telefono con qualcuno quando si trovava percorrendo Via del Corso a Roma.

Lungo il suo tragitto, si sarebbe scagliato inizialmente contro un gruppo di ragazzine a cui avrebbe tirato per i capelli, una coppia di turisti, che avendo visto l’aggressione, sarebbero corsi in aiuto delle ragazzine e a quel punto, W.A. avrebbe spinto anche l’uomo della coppia di turisti neozelandesi.

Il peggio però, è capitato ad un giornalista 27 enne, dell’Adnkronos, Antonio Atte che usciva dalla Camera dei Deputati verso le ore 21. Si recava presso la fermata dell’autobus di piazza Venezia e sarebbe stato aggredito con un pugno in faccia che l’ha portato ad essere ricoverato d’emergenza presso l’ospedale Gemelli.

Il giovane giornalista aggredito

Secondo la ricostruzione, Antonio Atte sarebbe stato preso di mira dall’uomo in tuta mimetica senza alcun presunto motivo. Avendo assistito all’aggressione sulla coppia di turisti e vedendo che arrivavano in soccorso le forze dell’ordine, il giornalista avrebbe continuato per la sua strada, ma il mal intenzionato si sarebbe scagliato contro di lui, sferrando un pugno in faccia che avrebbe fatto perdere i sensi al ragazzo.

Alcuni testimoni avrebbero chiamato l’ambulanza e la polizia che si sarebbe messa alla ricerca del fuggitivo, il trentenne residente nel capoluogo abruzzese, sarebbe stato poi preso.
Dopo il suo arresto, il personaggio è stato accompagnato negli uffici del comando e fermato per resistenza, oltraggio e lesioni.

Il processo per direttissima è stato rinviato al 26 gennaio. Nel frattempo W. A. avrà l’obbligo di dimora, vista la sua pericolosità sociale, dalle 22 alle 7 presso il suo domicilio romano.
È arrivato un messaggio di solidarietà da parte della sindaca Virginia Raggi tramite il suo profilo Twitter, augurando una veloce guarigione :

Sdegno per la brutale aggressione ai danni del giornalista dell’Adnkronos Antonio Atte da parte di uno sconosciuto in strada . Auguri di pronta guarigione

Sono arrivati messaggi di solidarietà anche da parte del presidente della regione lazio, Nicola Zingaretti e dal deputato del Movimento 5 stelle, Luigi di Maio.