Autore: Luigi Mercantile

Juventus

9
Gen 2020

Perché De Light non gioca?

Nelle ultime partite, Demiral è stato preferito all’olandese per affiancare Bonucci.

De Light è arrivato alla Juventus con le migliori premesse possibili. Il difensore olandese, lo scorso anno, ha giocato una stagione incredibile, sfiorando la finale di Champions League con l’Ajax, difendendo alla grande e segnando anche qualche gol importante, come quello contro la Juve che permise agli olandesi di eliminare il club bianconero ai quarti di finale.

De Light ha avuto diverse difficoltà al suo arrivo alla Juventus. L’olandese ha commesso qualche errore di troppo e per questo motivo i bianconeri hanno subito qualche gol che poteva essere evitato. Inoltre, De Light ha procurato diversi rigori alle squadre avversarie e sembrava quasi che una maledizione l’avesse colpito per l’assurdità della situazione.

Ma nonostante l’avvio molto difficile, l’olandese, match dopo match, ha iniziato a migliorare e a convincere sempre di più il tecnico Sarri che lo ha scelto come difensore titolare insieme a Bonucci che quest’anno sta giocando alla grande ed è uno dei giocatori più utilizzati dal tecnico.

De Light è stato bersaglio di troppe critiche all’inizio della sua avventura in bianconero, dobbiamo pur ricordare che l’olandese, se Chiellini non si fosse infortunato, avrebbe avuto più tempo per adattarsi al calcio italiano e per comprendere al meglio le dinamiche del club bianconero. Lo stesso De Light, dopo il gol segnato al Torino, rispose personalmente alle troppe critiche ricevute, evidenziando il fatto che aveva deciso il derby con la sua rete.

Le ultime partite in panchina di De Light

Ma dopo il periodo in cui De Light si è espresso a buoni livelli, ora qualcosa è cambiato. Nelle ultime tre partite giocate contro Lazio, Sampdoria e Cagliari, all’olandese è sempre stato preferito Demiral che in questo momento è in grande forma. Sembra strano vedere De Light in panchina, ma lo stesso Sarri ha voluto chiarire la situazione dichiarando che l’olandese ha dovuto compiere un percorso complicato e per questo ha avuto qualche difficoltà, ma nonostante ciò, secondo il tecnico toscano l’olandese diventerà uno dei difensori più forti del mondo. Quello di cui De Ligt ha bisogno è la pazienza. Il suo momento arriverà e l’olandese potrà dimostrare a tutti di essere quel difensore incredibile che in molti hanno ammirato nelle partite di Champions League con l’Ajax.