Autore: Luca Macaluso

22
Giu 2020

Perché c’è la muffa nella marmellata? Ecco la risposta

Perché a volte, quando preleviamo la marmellata dal frigo e apriamo il barattolo, troviamo la formazione di muffe?

La marmellata è senza dubbio un preparato gustoso, che può essere utilizzato per farcire deliziose crostate o da spalmare sulle fette biscottate a colazione. Quando il pensiero di gustare un po’ di dolce marmellata ci fa gola, apriamo il frigo e prendiamo quel vasetto che, da un po’ di tempo, avevamo dimenticato all’interno del nostro grande elettrodomestico. Ecco che però, aprendolo, constatiamo con orrore la presenza della muffa. Perché accade questo? Perché c’è la muffa nella marmellata?

Perché c’è la muffa nella marmellata?

La muffa nella marmellata si forma in seguito a procedure di produzione o di conservazione sbagliate. Per quanto riguarda le marmellate industriali, il processo produttivo controllato darà difficilmente luogo alla formazione di muffe. Sarà però possibile trovare la marmellata ammuffita in frigo se mal chiusa. La marmellata preparata in casa invece, è più a rischio di contaminazioni e alterazioni poiché non vengono rispettate delle norme igieniche adeguate per le sue fasi produttive e per la sterilizzazione dei contenitori.

TI POTREBBE INTERESSARE: La marmellata contiene istamina? Attenzione!

Se troviamo la marmellata ammuffita dobbiamo immediatamente buttarla nell’immondizia. Le microtossine della muffa sono infatti molto pericolose e non devono essere ingerite. Il gesto di eliminare la muffa dalla marmellata per poi consumare il resto va assolutamente evitato. Alcuni tipi di muffe sono idrosolubili e possono distribuirsi nelle parti acquose sul fondo del barattolo di marmellata.

Consigli per evitare la formazione di muffe

Come evitare la muffa nella marmellata? Nel caso di quella fatta in casa bisogna sempre lavarsi le mani con acqua e sapone prima di prepararla per evitare contaminazioni batteriche quindi bisogna assicurarsi che i barattoli di vetro utilizzati per conservarla si chiudano perfettamente. In questo modo l’aria non penetrerà all’interno e non danneggerà il contenuto del prodotto. I vasetti vanno sterilizzati in acqua bollente.

Bisogna poi verificare l’integrità del contenitore della marmellata. Non devono essere presenti bolle d’aria che salgono verso la superficie del vasetto chiuso. Una volta aperto il prodotto bisogna vedere se sono presenti eventuali odori o aspetti visivi sgradevoli. Una patina bianca o verdastra sulla superficie della marmellata sarà indice di contaminazione da muffe.

TI POTREBBE INTERESSARE: La marmellata va conservata in frigo? Ecco la verità

La muffa

Abbiamo capito perché c’è la muffa nella marmellata e che, quando la vediamo, dobbiamo buttare via tutto l’alimento. Quali altri cibi con la muffa non vanno mai mangiati? Quelli che hanno un elevato contenuto di umidità o una consistenza porosa. Questo perché questi alimenti potrebbero essere contaminati anche al di sotto della superficie esterna. Tra i cibi che vanno subito buttati quando notiamo la presenza di muffa ci sono la carne, i cereali cotti, la pasta, i formaggi, lo yogurt, i succhi di frutta, il burro, la frutta e la verdura, il pane e i prodotti da forno, le arachidi e le noci.