Autore: Giorgia De Angelis

Programma televisivo - Gossip - Programmi TV

11
Nov

Chef Rubio lascia Camionisti in trattoria: «è stata l’unica cosa giusta da fare»

Chef Rubio dice addio a «Camionisti in trattoria», il programma tv in onda su Canale Nove e DMAX di cui era protagonista. La notizia è stata commentata tramite alcune stories su Instagram.

Recentemente è stata resa nota una spiacevole notizia per i fan di Canale Nove e DMAX: Chef Rubio lascia “Camionisti in trattoria”. Gabriele Rubini, questo il nome all’anagrafe del cuoco italiano, ha confermato tramite alcune stories su Instagram che non sarà più presente nel programma di Discovery. Riguardo al perché della decisione, Rubio non conferma nulla, ma ci tiene a smentire con forza le fake news che hanno invaso il web in seguito alla notizia.

Chef Rubio lascia “Camionisti in trattoria”: il tweet di Antognoni

A dare la notizia un tweet del critico Dominique Antognoni, un post decisamente poco gentile, scritto volutamente con mano pesante. Antognoni insinua che Chef Rubio sia stato «amorevolmente accompagnato alla porta da Discovery Channel», facendo chiaramente comprendere che il cuoco romano sia stato licenziato dalla rete televisiva, madre del programma. Non si comprendono le motivazioni, che di certo non trapelano dal tweet in questione. Ben chiaro è però l’entusiasmo del critico nell’annunciare che «un vero chef» assumerà il ruolo di protagonista nella trasmissione, dopo che Chef Rubio lascerà “Camionisti in trattoria”.

Chef Rubio: la risposta sulle stories di Instagram

Chef Rubio, di cui conosciamo bene la spontaneità e la limpidezza, non ha voluto esporsi sulle motivazioni che lo hanno spinto a lasciare “Camionisti in trattoria”, dichiarando che di determinate cose è giusto parlarne nelle sedi apposite. Sui rumors che si sono scatenati sul web, però, Rubio non riesce a far finta di niente. Tramite delle stories di Instagram chiarisce che la decisione sia stata «l’unica cosa giusta da fare» per correttezza nei confronti delle persone che lo hanno sempre seguito, ma anche per la coerenza del percorso professionale e di vita che ha sempre svolto.
Come unica giustificazione al fatto, il cuoco romano spiega di aver perso la serenità, la motivazione e l’energia che lo hanno sempre spinto a continuare il programma.
Declamando la sua serietà, Chef Rubio asserisce che portare avanti “Camionisti in trattoria” solamente per gli ascolti avrebbe avuto ripercussioni sulla qualità del prodotto e sulla sua «incredibile troupe».
Riguardo al tweet del critico Antognoni, lo Chef ha postato la foto di una parte dello stesso ricambiando il gesto con parole altrettanto dure, smentendo quindi il fatto che sia stato licenziato.