Svizzera: festa abusiva in una scuola media, nei guai un influencer milanese

Svizzera: festa abusiva in una scuola media, nei guai un influencer milanese

Il 55enne Davide Lacerenza si è recato insieme alla fidanzata e altre persone in una scuola media del Canton Ticino per un party a base di Dom Perignon.

Davide Lacerenza e il vizio dei party alcolici. Il 55enne milanese, noto su Instagram per i suoi post e Storie spesso sopra le righe, nella notte tra il 4 e il 5 marzo è andato a Locarno, in Svizzera, per trascorrere un giovedì sera diverso dal solito.

La festa nella scuola media

Giunto nel Canton Ticino si è recato all’interno di una scuola media, dove aveva organizzato una sorta di festa insieme ad alcuni amici italiani e svizzeri, oltre alla fidanzata 20enne Alessia.

Il tutto è ampiamente documentato sul suo profilo Instagram. L’imprenditore, dopo aver cenato a Milano, è salito in auto per raggiungere una scuola media del Canton Ticino.

Non è chiaro come abbia fatto ad accedervi: il sospetto è che tra gli invitati al suo ‘party esclusivo’ ci sia qualcuno in possesso delle chiavi dell’istituto scolastico. Indiscrezioni giornalistiche parlano di un professore dell’istituto coinvolto.

Lacerenza ha portato numerose bottiglie di champagne, oltre a una bottiglia di “Dom Perignon” che a suo avviso costa 20mila euro per “sciabolarla tutta” nel corso della nottata, a parole sue. Nei video postati su IG, si vede il 55enne intento a sfruttare l’aula e le lavagne ell’edificio scolastico per fare delle lezioni sul famoso champagne francese (oltre che sul suono, con l’aiuto di un’amica pianista).

L’intervento della Polizia

Oltre all’assembramento (i partecipanti erano una decina) in un luogo costruito per tutt’altro scopo, è evidente che nessuno dei presenti indossi la mascherina. Dopo ore di risate e brindisi, Lacerenza e la sua compagna si sono spostati in una struttura ricettiva, nella quale hanno fatto colazione dopo alcune ore di sonno. A quel punto, però, il flusso di Storie Instagram si è interrotto.

A quanto scrive Ticinonews, la Polizia Cantonale ha raggiunto l’imprenditore 55enne proprio nell’albergo in questione, per prelevarlo insieme ad altre due persone. Per ora un insegnante della scuola è sospettato di aver fatto entrare il gruppo di notte nell’edificio: il docente risulta sospeso dall’incarico, in attesa che vengano chiarite meglio le responsabilità dei soggetti coinvolti.

Per quanto riguarda le accuse a carico dei partecipanti, tutto verrà ricostruito nelle prossime ore: gli investigatori stanno passando al setaccio le immagini della serata prese dal profilo di Lacerenza (e degli altri) per accertare anche l’eventuale presenza di sostanze stupefacenti, che metterebbe ulteriormente nei guai i festaioli.

Davide Lacerenza in passato ha avuto una relazione con Stefania Nobile, la figlia di Wanna Marchi, con la quale da alcuni anni gestisce la “Gintoneria di Davide”, un locale milanese finito al centro di numerose polemiche negli ultimi due anni. Solo poche settimane fa era scattato l’ordine di chiusura per via della violazione delle norme anti-COVID, e del presunto spaccio di droga che avveniva all’interno.