Militare suicida alla stazione Barberini di Roma: chiusa la fermata

Stando alle prime segnalazioni, un soldato si sarebbe sparato con una pistola nel bagno di servizio della stazione metro Barberini. Sul posto i carabinieri per comprendere l’accaduto.

Militare suicida alla stazione Barberini di Roma. Caos e grande spavento alla stazione metro Barberini di Roma, dove un soldato italiano del reggimento bersaglieri è stato rinvenuto cadavere all’interno dei bagni di servizio. Secondo una prima osservazione, sembrerebbe più che probabile si tratti di un suicidio, considerando anche il rinvenimento della pistola.

Per ora non si sa nulla circa l’identità del militare suicida alla stazione Barberini di Roma, né quindi le cause che l’avrebbero eventualmente condotto al gesto. Si è però diffuso un notevole panico all’interno della stazione, dovuto principalmente al fatto che non si capisse precisamente quale fosse il problema, e sono stati in molti ad allarmarsi e a risalire in superficie.

La stazione è stata poi chiusa per effettuare tutti i rilievi del caso, e la stessa Atac ha annunciato, tramite il profilo twitter ufficiale, l’intervento delle forze dell’ordine, e il solo transito di treni che non si fermeranno, per il momento.

Cosa si sa al momento

Quello che è certo è che il soldato era un caporalmaggiore in servizio in quel momento proprio all’interno della stazione, nell’ambito dell’operazione Strade Sicure. Secondo le prime frammentarie segnalazioni, l’uomo sarebbe improvvisamente entrato nel bagno e avrebbe rivolto la pistola verso di sé.

Ma per ora non c’è nessuna certezza sullo svolgimento dei fatti, e proprio in queste ore i carabinieri del VII nucleo investigativo e della Compagnia Roma Centro sono sul posto per cercare di capire cosa è successo di preciso.

Intanto la metro resterà chiusa al pubblico e tutti i treni in transito non si fermeranno alla stazione Barberini.