Autore: Fabio Antonio Cerra

Banche

Fideiussione: cos’è, quando si stipula e quanto costa

Cos’è una fideiussione bancaria? Che costi ha, con chi si stipula e quante tipologie di fideiussione esistono ad oggi?

La fideiussione è un contratto bilaterale consensuale ad effetti obbligatori tra fideiussore e creditore, al quale il debitore garantito vi è estraneo. Il contratto a forma libera e solitamente non oneroso, determina obbligazioni solo a carico del fideiussore.

Del debito garantito ne risponde il fideiussore con tutto il patrimonio. Al fine della sua validità, è necessario il consenso del creditore, mentre non è indispensabile che sia presente anche la volontà del debitore, il quale quindi potrà esservi anche contrario.

Come recita l’articolo 1936 del Codice civile: “è fideiussore colui che, obbligandosi personalmente verso il creditore, garantisce l’adempimento di un’obbligazione altrui. La fideiussione è efficace anche se il debitore non ne ha conoscenza.

Scopo della fideiussione

Generalmente è un tipo di garanzia richiesta al giorno d’oggi dai locatori che vogliano ricercare quante più garanzie possibilinei confronti degli eventuali locatari, in modo da evitare eventuali problemi legati al mancato pagamento del canone di locazione. La fideiussione potrà essere erogata sia dalla banca, ed in questo caso si parlerà di fideiussione bancaria, sia da una assicurazione, che invece prenderà il nome di fideiussione assicurativa.

Di regola, l’affittuario si adopererà a richiedere alla banca la concessione di una garanzia che possa garantire al soggetto locatore il regolare pagamento dei canoni di affitto, garanzia che ovviamente sarà tanto più onerosa quanto più il contratto di locazione sarà lungo nel tempo. I costi consisteranno in una percentuale di interessi da versare all’istituto bancario, e da calcolare in base al canone di locazione annuo.

Quando ci si troverà nelle condizioni di stipulare il contratto di fideiussione bancaria, sarà opportuno verificare la presenza della clausola così detta di “escussione a prima richiesta”.

Laddove questa clausola sia presente, l’istituto bancario di riferimento sarà obbligato al pagamento del canone di locazione nel momento stesso in cui il locatore ne farà richiesta scritta. Di converso, se la clausola di “escussione a prima richiesta” non dovesse essere presente, l’istituto bancario non provvederà al risarcimento del canone di locazione verso il locatore prima dell’avvio di un procedimento nei confronti dell’affittuario moroso.

TI POTREBBE INTERESSARE: Banche, possono chiudere conto corrente: ecco quando può succedere

Costi della fideiussione

La fideiussione è un obbligo oneroso sotto tutti gli aspetti. Qualsiasi sia la tipologia di fideiussione contratta, ognuna di queste avrà un costo che dovrà essere pagato dal debitore.

Solitamente, i tassi di interesse di una polizza di fideiussione potranno oscillare tra lo 0,75% al mese, fino ad arrivare ad un 3%, a cui si dovrà aggiungere una commissione dell’1%. Gli oneri ovviamente andranno ad aumentare in modo direttamente proporzionale alla cifra ed alla durata del prestito in oggetto.

Contro fideiussione

Lo stesso istituto bancario, al fine di tutelare i propri interessi, a fronte di richiesta di fideiussione da parte del cliente/debitore potrà richiedere al cliente stesso una contro fideiussione. Il fine sarà quello di avere la certezza che il proprio investimento vada comunque ripagato dal cliente, che si troverà con l’obbligo di risarcire la banca entro un determinato periodo di tempo.