Autore: Alessandro Leonardi

Serie tv e Fiction - Cast - Anticipazioni - Streaming - Netflix

Fate: The Winx Saga, le attrici rispondono alle critiche negative sul cast

Le attrici di Fate: The Winx Saga rispondono alle critiche negative dei fan.

La serie tv animata ideata da Iginio Straffi ha avuto la sua trasposizione americana: il 22 genniaio 2021 c’è stato il debutto su Netflix del serial Fate: The Winx Saga.

Una serie tv con attori reali, che non poteva che attirare l’attenzione dei fan del franchise. Tuttavia, qualcuno ha avuto da ridire sulla scelta del cast delle protagoniste, ma le attrici si sono prontamente difese dalle critiche, elogiando il lavoro dello showrunner Brian Young e delle diversità riportate a paragone con la serie animata originale.

La reazione delle attrici alle critiche sul cast di Fate: The Winx Saga

Ma facciamo chiarezza: nella serie Netflix, Musa è diventata la fata della mente, invece che della musica come nel cartone animato. Un’altra differenza sostanziale è proprio l’etnia, infatti, l’attrice Elisha Applebaum, che è stata scelta per interpretare la Winx, non è asiatica come la sua controparte originale.

L’attrice si è difesa dicendo: «È davvero triste vedere che i fan erano arrabbiati con il casting», ha detto a Digital Spy. «Non sono stata coinvolta nel casting ma spero che quello che hanno visto e il modo in cui ho interpretato Musa sia stato di loro gradimento. Ho ricevuto solo ottime recensioni da loro, quindi sono stati di mentalità aperta da ciò che ho creato, spero che continui ad essere così».

Anche Flora è totalmente cambiata, infatti al suo posto, nella nuova serie, c’è Terra; quest’ultima ha in comune con l’originale unicamente il potere della natura. Sono due personaggi caratterialmente diversi, e si vede già dalle prima battute del personaggio; tuttavia, Terra rivela nel corso delle puntate di avere una cugina di nome Flora.

Eliot Salt, in merito al suo personaggio e delle differenze, ha ammesso che vorrebbe vedere le due Winx insieme: «Penso che sia davvero importante vedere Terra e Flora insieme e se siamo abbastanza fortunati da avere una seconda stagione questa è la mia più grande speranza».

Precious Mustapha, che veste i panni di Aisha, ha ribadito ancora una volta quanto la forza della serie siano proprio le differenze rispetto all’originale cartone animato: «Ho sempre cercato persone che mi somigliassero sullo schermo. L’industria sta arrivando a un punto in cui stiamo iniziando a vedere più diversità sullo schermo, ma ovviamente non è sufficiente e c’è ancora molto lavoro da fare».

Continua dicendo: «È davvero bello essere in uno spettacolo in cui c’è molta diversità. Ce ne potrebbe essere di più e si spera che se avremo una seconda stagione ce ne sarà. È bello perché so che il mio io più giovane si sentirebbe davvero felice se vedessi qualcuno che mi assomiglia sullo schermo».

Leggi anche: Stranger Things 4: la quarta stagione sarà la più spaventosa di sempre. Le anticipazioni di Gaten Matarazzo