A Roma c’è un lago nascosto, ma in pochi lo sanno: ecco dove

A Roma c'è un lago nascosto, ma in pochi lo sanno: ecco dove

Un lago ’segreto’ a Roma: ecco dove si trova

Roma è una citta dalla storia antichissima e dai mille segreti. Meta di turisti italiani e non, riserva sorprese inaspettate ancora oggi. Come ad esempio un lago segreto, che in verità non dovrebbe esistere, ma che c’è.

Pigneto, tra Via Prenestina e via di Portonaccio, V Municipio, zona est della capitale: ecco dove trovare, celato tra la fitta vegetazione del luogo, un lago che di cui pochi romani conoscono l’esistenza. In dettaglio, è il lago Ex Snia, detto anche lago Sandro Pertini.

Il posto è caratteristico, anche perchè è circondato dal verde, e in una città caotica e dall’alto tasso di traffico come Roma, ciò non può che essere una notizia assai positiva.

Un lago che non dovrebbe esserci: il motivo

Questo lago ha una peculiarità degna di nota: non è infatti di origine naturale, bensì artificiale. E la sua presenza non è frutto di una scelta espressa in tal senso. Lo specchio d’acqua risale agli anni ’90 ed è stato creato sostanzialmente per un errore umano nell’ambito dei lavori in un cantiere per la costruzione di un parcheggio sotterraneo.

L’area interessata si trova a pochi passi da via dell’Acqua Bullicante. Là sotto scorreva il fosso della Marranella e ancor più in profondità è stata localizzata una falda acquifera da cui fuoriesce acqua minerale in grande quantità.

Nell’ambito delle attività di scavo dell’epoca, la falda cominciò a riempire l’invaso artificiale per il parcheggio. Così fu deviato il flusso nelle fognature per evitare il blocco dei lavori e lo stop alle attività del cantiere, ma Largo Preneste fini per allagarsi.

Ecco perchè è nato questo laghetto autoalimentato che appunto, non ha origine naturale ed è rimasto fino ad oggi. E’ possibile andarlo a vedere effettuando l’accesso al parchetto delle Energie.

Ecco che cosa si può trovare nella zona del lago Ex Snia

Sicuramente questo laghetto è assai caratteristico e merita almeno una visita, sia da parte dei cittadini romani che non l’hanno ancora visto da vicino perchè ne ignoravano l’esistenza, sia da parte dei tanti turisti che ogni giorno affollano la capitale d’Italia.

Peraltro, un piccolo lago, ma non microscopico. Infatti, la sua superficie oltrepassa quella del laghetto di villa Borghese. E dunque non deve stupire la particolare varietà della fauna locale.

Nella zona del laghetto ex Snia sono stati infatti avvistati il martin pescatore, il germano reale e il fagiano comune. Ma non solo: anche esemplari di beccaccia e falco pellegrino hanno fatto la loro comparsa. Un motivo in più per andare a dare una occhiata: anzi, con tutta probabilità gli appassionati di birdwatching saranno assai incuriositi dal luogo.