Autore: Francesco Menna

Formula 1

5
Set

F1, Maldonado: «Nel 2014 sono stato vicino al contratto in Ferrari»

Maldonado sarebbe potuto entrare in Ferrari nel 2014

Maldonado ha vinto il Gran Premio di Spagna 2012 con Williams solo alla sua 24esima partenza in F1, dopo essere partito addirittura in pole position, ma non ha ottenuto un altro podio prima di lasciare il campionato dopo la sua quinta stagione nel 2015.

Il suo periodo con Williams si è concluso presto dopo una deludente stagione del 2013 che ha toccato un nuovo minimo quando Maldonado pensava che qualcuno all’interno della squadra avesse manomesso la sua auto prima del Gran Premio degli Stati Uniti.

Nonostante avesse concluso un accordo fino al 2015, i sostenitori di Maldonado hanno negoziato un’uscita anticipata e si è trasferito nel team Lotus, dove ha trascorso gli ultimi due anni della sua vettura da F1.

Tuttavia, Maldonado ha rivelato di aver tenuto colloqui con la Ferrari durante il 2013 e ha pensato di poter unirsi al team per il 2014, ma ha invece firmato Kimi Raikkonen.

Maldonado in Ferrari nel 2014? Ecco le sue parole

«Ero l’unico, ero il nuovo ragazzo in F1», ha detto Maldonado in un’intervista al podcast di Beyond The Grid in F1. «È come [Max] Verstappen al momento. Come Robert Kubica ai suoi tempi. All’epoca ero il ragazzo. La gente veniva da me, erano felici di parlarmi. Ciò che non era chiaro era ovviamente il rapporto con gli sponsor [società petrolifera venezuelana PDVSA]. È stato un grande conflitto di interessi contro gli sponsor e stavamo negoziando al riguardo. I miei sponsor erano aperti a trovare una soluzione alla mia carriera. Ad un certo punto ci siamo avvicinati molto alla Ferrari. Mi aspettavo il passaggio in quel momento. Quello era il mio momento. Era il momento di avere una seconda possibilità, di non combattere per provare a mostrare [la mia abilità] ogni giorno, perché era impossibile».
Maldonado crede che qualsiasi possibilità di unirsi alla Ferrari sia stata eliminata nel 2014 quando Stefano Domenicali si è dimesso da capo squadra e poi il presidente Luca di Montezemolo ha lasciato.

« Abbiamo perso i contatti e la comunicazione e ci siamo concentrati altrove», ha detto. «Non sono mai stato a Maranello ma abbiamo avuto alcuni incontri in pista. Ho incontrato Domenicali alcune volte e ho incontrato anche di Montezemolo».
Maldonado ha affermato di essere vicino alla famiglia Williams, ma la realtà della loro terribile stagione 2013 insieme è stata troppo difficile per continuare. «Ci aspettavamo di avere l’auto migliore di sempre nella storia di Williams», ha detto. «E abbiamo avuto l’auto peggiore di sempre».

Il suo trasferimento in Lotus è stato mal programmato dato che le sue fortune sono cambiate drasticamente con l’inizio dell’era del motore turbo-ibridi V6 nel 2014.
La Renault, fornitore di motori Lotus, ha avuto scarsa affidabilità e prestazioni, mentre Williams è passata dal retro della griglia al podio con una nuova auto e il motore Mercedes. Maldonado insiste sul fatto che ripercorre la sua carriera in F1 come uomo «felice», aggiungendo: «Non solo perché ne ho avuto la possibilità, ma sono contento di tutti i risultati raggiunti nella mia carriera

».