Tokyo 2020: pioggia di medaglie per gli azzurri. Massimo Stano campione olimpico nella 20 km di marcia

Il pugliese conquista il settimo oro della spedizione azzurra. Argento per Manfredi Rizza nella canoa, bronzo per Gregorio Paltrinieri, Elia Viviani e Viviana Bottaro.

Giornata ricca di soddisfazioni per lo sport azzurro, ai giochi olimpici in corso di svolgimento a Tokyo. Sono arrivate altre 5 medaglie che vanno ad arricchire il bottino della spedizione italiana che conta adesso ben 35 podi: 7 ori, 10 argenti e 18 bronzi. Manca una sola medaglia per eguagliare il record assoluto di Los Angeles 1932 e Roma 1960.

Massimo Stano oro nella 20 km di marcia

È del pugliese Massimo Stano, nato a Grumo Appula, ma residente a Palo del Colle, sempre nel barese, la settima medaglia d’oro della spedizione azzurra ai giochi olimpici di Tokyo 2020. Il 29enne atleta delle Fiamme Oro si impone a sorpresa, ma dominando la gara, nella 20 km di marcia, davanti ai giapponesi Koki Ikeda e Toshikazu Yamanishi.

Il terzo titolo olimpico nell’atletica leggera di questa edizione delle olimpiadi, è maturato dopo una gara di controllo fino al dodicesimo km, prima di aumentare il ritmo per l’allungo decisivo, che ha portato Massimo Stano a tagliare per primo il traguardo con il tempo di 1h21’05”, con 9 secondi di vantaggio sul secondo classificato.

Manfredi Rizza argento nella canoa sprint. Bronzo per Paltrinieri, Viviani e Bottaro

Decima medaglia d’argento per i colori azzurri conquistata nella notte da Manfredi Rizza nella prova sprint della canoa K1 200 metri. Il 30enne di Pavia, in forza all’Aeronautica Militare, ha riportato l’Italia sul podio di questa specialità dopo 13 anni. L’azzurro è terminato alle spalle dell’ungherese Sandor Totka per soli 45 millesimi in un finale mozzafiato, anticipando di 167 millesimi il britannico Liam Heath.

Altre tre medaglie di bronzo per i colori azzurri. Gregorio Paltrinieri, già argento negli 800 metri sl, ha conquistato il terzo posto nella 10 km di nuoto di fondo. Un risultato storico, visto che è la prima medaglia al maschile in questa specialità, e un risultato miracoloso, visto le vicissitudini del 26enne atleta delle Fiamme Oro, che per due mesi ha dovuto fare i conti con la mononucleosi.

Paltrinieri diventa anche l’unico azzurro con due medaglie in queste olimpiadi e il primo italiano nella storia a vincere una medaglia sia in vasca che in acque libere. Davanti a lui nella prova olimpica il tedesco Florian Wellbrock e l’ungherese Kristof Rasovszky.

Medaglia di bronzo anche per Elia Viviani nell’omnium, prova del ciclismo su pista. Il campione olimpico di Rio 2016, dopo una pessima partenza nello scratch, era tredicesimo, ha recuperato fino a conquistare il terzo posto nella prova finale, la corsa a punti, dietro il britannico Matthew Walls e il neozelandese Stewart Campbell.

L’unica medaglia di giornata al femminile, la conquista la genovese Viviana Bottaro, che vince la finale per il terzo posto nel kata, specialità del karate, all’esordio nei giochi olimpici.