Autore: Redazione

Coca Cola - McDonald’s - Visa

Scandalo FIFA: per gli sponsor a rischio 100 miliardi di dollari

Scandalo FIFA dopo gli arresti per corruzione: ad essere a rischio anche i grandi marchi sponsor delle manifestazioni calcistiche: da Coca Cola a McDonald’s, da VISA a Adidas.

VISA, McDonald’s, Coca Cola, Hyundai, Budweiser e Adidas sono tra le principali aziende che hanno deciso di costruire i loro marchi sugli sponsor con l’associazione internazionale di calcio, la FIFA, coinvolta ora in un vero e proprio scandalo.

Per un compenso tra i 24 e i 44 milioni di dollari all’anno, gli sponsor si garantiscono l’esposizione ad un pubblico globale ben oltre ad un miliardo di potenziali consumatori durante l’evento sportivo più amato, i Mondiali di calcio.

Non vi è alcun dubbio che vi si stato un effetto significativamente positivo su questi noti marchi nel corso degli anni.
Il valore derivato dalla reputazione dei brand ammontaa quasi 100 miliardi di dollari (Coca-Cola: 35,8 miliardi, McDonalds: 22 miliardi, Hyundai: 8,6 miliardi, Kia: 5,2 miliardi, VISA: 8,5 miliardi, Gazprom: 7.000 milioni, Adidas: 6,8 miliardi, Budweiser: 4,3 miliardi).

La valutazione si riverisce per lo più al valore generale del marchio, piuttosto che all’entità delle attività commerciali, quindi teoricamente tutto questo valore potrebbe essere perso dato che è intangibile, subordinato alla reputazione e affidato all’opinione dei consumatori.

La grande esposizione ricevuta dalla FIFA sta ormai scemando, e solo una buona revisione della gestione dell’organizzazione riuscirà ad invertire una tendenza deleterie per i noti brand protagonisti indiretti dello scandalo FIFA.

Le accuse di corruzione all’interno della FIFA sono ormai state diffuse e sono impossibili da ignorare. L’organizzazione è oramai dentro alle sabbie mobili e qualsiasi tipo di associazione o rapporto con la FIFA diventa sempre più rischioso per la reputazione di un brand.

Titoli negativi su tutti i giornali ora circondano non solo la FIFA, ma anche gli sponsor.

Con la FIFA apparentemente sorda alle richieste di cambiamento, gli attivisti e gli utenti dei social network stanno rivolgendo le loro accuse agli sponsor, accelerando il rischio di un effetto negativo sulla reputazione.

Lo stesso marchio i FIFA è in pericolo, avendo pesantemente condizionato il sostegno dei partner e degli sponsor. ha perso 400 milioni di dollari negli ultimi giorni semplicemente come risultato degli arresti e la successiva attenzione mediatica negativa.
Anche i ricavi delle trasmissioni potrebbero essere in pericolo.

Un boicottaggio di FIFA da parte delle autorità calcistiche nazionali è agli inizi, e potrebbe portare ad un crollo di 12 miliardi dollari.