Autore: B.A

Moto GP - Valentino Rossi

MotoGp: Rossi a caccia di vittoria e podio n° 200 nella sua Brno, il podio di Jerez rinvigorisce il dottore

Dopo l’ottima prova di Jerez, con il suo terzo posto, ridà slancio alle ambizioni del 41enne di Tavullia.

Parte il weekend della terza gara del Motomondiale, sulla pista di Brno, per il Gran Premio di Repubblica Ceca. Una pista che sta molto a cuore al dottore, al fenomeno Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha fatto podio a Jerez e adesso rilancia le sua ambizioni anche per le gare a venire, soprattutto alla luce del fatto che adesso la Moto Gp almeno per due o tre gare ancora, ha perso il suo padrone, quel Marc Marquez che si è fratturato l’omero proprio a Jerez. Rossi vuole ripetere l’ottima prova di Jerez, soprattutto perché stando a quello che lui stesso dice, qualcosa è cambiato rispetto agli ultimi anni, dove di protagonista il dottore lo è stato davvero poco.

Brno pista speciale per Valentino Rossi

«Qui ho vinto la mia prima gara in carriera, un’emozione che non potrò mai dimenticare. Sono carico, spingeremo per essere di nuovo competitivi», così ha presentato il fine settimana che lo attende, Valentino Rossi. Tra l’altro Rossi guida la moto del momento, quella di Quartararo e Vinales, la Yamaha che ha monopolizzato il podio nella seconda gara di Jerez del la Frontera.

La Yamaha va a caccia di conferme a Brno e pure Valentino Rossi non è da meno. Un altro podio significherebbe il 200imo podio in carriera per il 9 volte iridato Valentino Rossi. Venerdì si torna in pista per il Gran Premio della Repubblica Ceca e le aspettative del team giapponese sono alte, dopo il secondo e terzo posto ottenuti da Maverick Vinales e Valentino Rossi in Andalusia e con l’altra Yamaha di Quartararo, del team satellite che ha vinto il Gp.

Tra l’altro Quartararo sarà il nuovo compagno di squadra di Vinales l’anno venturo nel team ufficiale Yamaha, e sostituirà Rossi che è stato mandato al team satellite. Evidentemente la Yamaha vista anche l’età del dottore (41 anni), gli ha preferito l’astro nascente del Motomondiale, Fabio Quartararo. Un motivo di spinta in più per il dottore, che vorrà dimostrare di poter dire ancora la sua a anche contro le nuove leve delle corse in moto.

Il ritorno di Valentino Rossi

Rossi a Jerez ha interrotto un digiuno di podi che durava dal 14 aprile 2019. Adesso il circuito di Brno potrebbe rappresentare un’ulteriore svolta per la sua stagione. Brno è una pista speciale per il 41enne di Tavullia, che oltre ad aver vinto il suo primo Gp in 125, ha ottenuto sulla pista ceca anche 14 podi in carriera, comprese cinque vittorie nella classe regina.

"E’ anche il circuito dove ho vinto la mia prima gara assoluta, in 125, nel 1996 ed è qualcosa che non potrò mai dimenticare. L’atmosfera è davvero fantastica su questa pista, ma sfortunatamente dovremo correre senza tifosi. Resta un bellissimo circuito, che mi piace molto, per cui proveremo a regalare a chi ci segue da casa un grande spettacolo. Il podio dell’ultima gara è stato emozionante e spingeremo al 100% per essere di nuovo competitivi in questo weekend”, queste le parole di fiducia di Valentino Rossi.

«Abbiamo iniziato bene, i due weekend in Spagna sono stati in generale positivi, la moto ha funzionato anche con il caldo estremo che è una situazione in cui solitamente faticavamo. Questi progressi mi rendono ancora più entusiasta e curioso di vedere quello che potremo ottenere nel fine settimana. Il team ha fatto un lavoro grandioso finora e stiamo andando nella giusta direzione, per cui penso che possiamo ottenere dei risultati positivi nelle prossime tre gare, soprattutto in quella di domenica. Brno è una delle mie piste preferite e di sicuro faremo del nostro meglio per stare ancora davanti e lottare per la vittoria», così Rossi che cerca di non perdere terreno da Quartararo in ottica mondiale, dal momento che in due sole gare paga giù pesantemente dazio, con l’italo francese a 50 punti (due vittorie) e lui ancora ancorato ai 16 della seconda gara (Nella prima Rossi si è ritirato per noi meccaniche).