Autore: Annarita Faggioni

Chi è Beatrice Ion, ospite di «La Vita in Diretta»

Beatrice Ion è un’atleta paralimpica che è stata vittima di un episodio razziale. Ne parla oggi a «La Vita in diretta Estate»

Beatrice Ion è una giovanissima atleta paralimpica (classe 1998) e ha subito una grave aggressione mentre era con la sua famiglia. Infatti, la famiglia è di origine rumena, ma vive da molti anni in Italia, tanto che di recente la ragazza ha potuto anche partecipare alle gare agonistiche con la Nazionale italiana. Oggi si racconta alla Vita in Diretta Estate.

Beatrice Ion: la sua storia

Beatrice Ion è una campionessa paralimpica di basket. Ha 22 anni e gioca nella Nazionale italiana. La ragazza è sulla sedia a rotelle perché a soli tre mesi ha contratto la poliomielite, di cui ancora soffre.

La disabilità non l’ha però fermata. La ragazza è nata in Romania nel 1998, ma la sua famiglia si è trasferita in Italia nel 2004. Quindi Beatrice ha frequentato le scuole in Italia è la sua famiglia risiede ad Ardea da molti anni.

Infatti, la madre di Beatrice è una collaboratrice familiare, mentre il padre è un autista. Oltre a praticare sport a livello agonistico presso l’Amicacci Giulianova basket, Beatrice studia anche Scienze della comunicazione a Teramo.

TI POTREBBE INTERESSARE: Chi è Michelangelo Tommaso, «Filippo» di Un posto al Sole

Cosa è successo a Beatrice Ion?

Mentre era con i suoi genitori ad Ardea, in provincia di Roma l’atleta paralimpica è stata colpita mentre si trovava con il padre davanti a casa sua. In più, l’aggressore ha insultato padre e figlia e poi li ha aggrediti fisicamente. Infatti, il papà di Beatrice è stato portato in ospedale, perché ha riportato ferite al volto.

Il problema che avrebbe generato l’episodio razzista sarebbe partito perché la ragazza e suo padre avrebbero parcheggiato in un posto riservato ai disabili, così come prescrive la legge vigente.

Dopo l’aggressione e la campagna mediatica sul razzismo nato dall’episodio, la ragazza è stata anche oggetto di minacce su Facebook. In più, le minacce sarebbero arrivate anche a suoi familiari.

Tra i vari commenti che sono arrivati contro la ragazza, ce n’è uno particolarmente odioso: "handicappa di m..., vattene dall’Italia". Ora la famiglia sta pensando di denunciare ai Carabinieri l’aggressione è la diffamazione sui social e sta valutando l’ipotesi di lasciare l’Italia.

Beatrice Ion: la solidarietà

Sono in tanti i personaggi dello spettacolo e della politica che hanno preso le difese della ragazza e le hanno dimostrato la loro solidarietà. Il ministro delle politiche giovanili e dello Sport Spadafora è stato uno dei primi ad esprimere la sua solidarietà.

Tra i personaggi famosi, spunta la figura di Lapo Elkann, che ha scritto su Twitter:

“Cara Beatrice, la persona che ti ha insultato e aggredito tuo padre perché «disturbata» dal fatto che hai un parcheggio disabili è semplicemente un uomo grande come un coriandolo di carnevale. Tu invece sei un Orgoglio per l’Italia e Noi siamo con TE!”.

Inserendo poi la foto della ragazza mentre è in gara. Solidarietà è stata espressa anche dal sindaco di Ardea Mario Savaerse e dall’Anpi Roma. Anche la società dove la ragazza gioca esprime tutta la sua solidarietà, ricordando che la ragazza vive in Italia da 16 anni è che la lotta al razzismo resta al centro dei valori della Polisportiva.