Autore: Federica Ponza

Movimento 5 Stelle - Lega Nord - Populismo - Sondaggi - Matteo Salvini - Beppe Grillo

18
Mag

Lega Nord vs M5S: chi vince la sfida del populismo?

Negli ultimi anni, si parla spesso di populismo, soprattutto riferendosi a partiti come la Lega Nord e il Movimento 5 Stelle. Ma tra i due chi viene reputato più populista? Lo svela un sondaggio.

Tra la Lega Nord e il Movimento 5 Stelle, chi viene visto come più populista? Questa la domanda a cui (almeno in parte) risponde il sondaggio condotto da Index Research e che cerca di indagare quale dei due schieramenti incarni maggiormente il populismo indagando su una delle questioni più scottanti di questo periodo: la migrazione.

Tra la Lega Nord di Matteo Salvini, da poco rieletto segretario federale suscitando le ire di Umberto Bossi, e il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, dunque, chi è che attira maggiormente l’elettorato populista?

Negli ultimi anni in Europa e negli Stati Uniti si stanno diffondendo dei partiti e dei movimenti che possono essere definiti populisti e, in tal senso, l’Italia non fa eccezione.

Lega Nord vs M5S: chi vince la sfida del populismo?

Sia la Lega Nord che il Movimento 5 Stelle sono stati spesso accusati di avere atteggiamenti populisti, cavalcando i malumori delle persone su tematiche complicate come quelle della migrazione o dei vaccini e facendosi portavoce e megafono delle idee che maggiormente sanno infiammare gli animi degli elettori.

La Index Research ha fatto condotto un sondaggio cercando di capire chi dei due sia maggiormente associato dagli elettori alla tematica populista e per riuscirci ha posto alle persone una domanda legata alla questione della migrazione, una delle più calde degli ultimi anni.

Secondo Lei tra Lega e M5S chi rappresenta meglio la battaglia politica: basta profughi e pugno duro con i clandestini?”.

La risposta alla domanda avrebbe dovuto aiutare a capire chi tra Movimento 5 Stelle e Lega Nord sia più legato al fenomeno del populismo.

A vincere la sfida è la Lega Nord che è stata indicata come maggiore rappresentante di questo intento politico dal 40,8% degli intervistati, mentre il 24,6% ha scelto l’M5S, che viene indicata con una percentuale inferiori di quanto non si risponda nessuno dei due leader (28,9%).

Cosa significa populismo oggi

Con il termini populismo si intende l’adottare un atteggiamento demagogico che asseconda le aspettative del popolo senza valutarne il contenuto.

Volendo tradurre in termini un po’ più semplice, si può dire che il populismo consista nell’intercettare le tematiche più calde di una società e i malesseri che queste suscitano e far sì che il proprio partito (o movimento) se ne faccia portatore.

Il termine ha origini lontane: nasce nella Russia rivoluzionaria del XIX e inizialmente aveva un’accezione positiva, perché consisteva nell’esaltazione del ruolo e dei valori della classe popolare.

Negli ultimi anni, il significato della parola si è ampliato perché ed ha acquisito un’accezione negativa, indicando quei partiti che decidono di far proprie le idee e le questioni che suscitano malumore nella folla.