Autore: Annarita Faggioni

26
Lug

Dario Hübner: chi è l’ex calciatore e allenatore

Chi è Dario Hübner, ex calciatore e allenatore che ha commentato il calciomercato e il ruolo di Tonali?

Dario Hübner è un ex calciatore e allenatore italiano. Nato a Trieste il 28 aprile 1967, quindi è del segno del Toro. In carriera, ha segnato 300 gol. Di questi, 38 sono di rigore. Ecco alcune curiosità su di lui e tutti i dettagli.

Dario Hübner: biografia e curiosità

Dario Hübner è di origini austriache. In più, suo nonno era di Francoforte. Inizia la sua carriera prima nel Muggesana, poi nella Pievigina. L’inizio della sua carriera agonistica come attaccante è a 20 anni.

In quella stagione, conclude 10 gol. Passa quindi al Pergocrema in C2, dove ottiene 6 gol. L’anno dopo, i suoi risultati lo portano su C1. Questo è il periodo in cui Hübner ottiene il soprannome di Bisonte o Tatanka dai giornali sportivi. il suo periodo d’oro è il 1992, quando entra nel Cesena e passa alla serie B. Ottiene in 5 anni il titolo di capocannoniere e 22 gol solo nella stagione 1995-1996.

A 30 anni, quando il Cesena retrocede, entra in serie A con il Brescia. Qui da 16 gol, ma non bastano per rimanere in A. poco male, visto che la stagione successiva le reti diventeranno 21 e permetteranno al Brescia di ritornare in A.

Nel 2000 fa coppia con Roberto Baggio e ottiene 17 reti. Nel 2002, a 35 anni, ottiene il titolo ex aequo con Trezeguet di capocannoniere di massima serie. Quindi, è il secondo giocatore più anziano a ottenere questo titolo. Infatti, nel 2015 lo otterrà Luca Toni, ma a 38 anni.

Nel frattempo, Hübner si era già spostato al Piacenza. Negli ultimi anni, gioca per Ancona, Perugia e Mantova. La sua carriera come calciatore si conclude nel 2007.

Infatti, il contratto con l’Orsa Corte Franca Iseo aveva violato secondo i detrattori le regole, perché da dilettante allora non poteva avere contratti professionali. Quindi, il giocatore ebbe 6 mesi di squalifica.

Successivamente, ottiene 20 reti in quella stagione, quando torna in campo. Gioca quindi per il Castel Mella, ottenendo 16 gol. Conclude la carriera a 44 anni, ma non rinuncia al calcio.

Infatti, ottiene due brevi incarichi come allenatore per la Royale Fiore e l’Atletico Montichiari. Oggi commenta così il calciomercato e, in particolare, il ruolo di Tonali in questa fase.

“Tonali non è Pirlo e non può fare la differenza subito nell’Inter, nel Milan o nella Juve”.

Così ha spiegato l’ex calciatore e allenatore, che ha lasciato un commento anche per una delle squadre che gli sono rimaste nel cuore, il Brescia. Il riferimento è ovviamente a Balotelli. “Dico sempre che le colpe sono divise a metà, Mario non si è riuscito ad integrare nel Brescia ma anche lo stesso Brescia non ha integrato Mario”.

Dario Hübner: vita privata

Dario è sposato da anni con Rosa Cantoni, sorella di un suo ex compagno di squadra. Da lei ha avuto due figli, Michela e Marco. Quando non allena squadre, gestisce un bar con il cognato a Cesena.