Autore: Luca Secondino

Curiosità - Tendenze - Amazon - Bambini

15
Mag

Fidget spinner: cos’è, come funziona e dove si compra. Fa davvero bene alla salute?

Fidget spinner, dove si compra l’accessorio del momento? Vediamo cos’è e come funziona il cuscinetto a sfera che libera dalle dipendenze e sviluppa la concentrazione.

Si chiama Fidget spinner ed è l’oggetto del momento: in realtà non è altro che un giocattolo, un gadget semplice da utilizzare, a metà tra la trottola e il picchio, basato su un sistema di cuscinetti a sfera. Da qui il nome, che significa letteralmente “ruota che non smette di girare”, proprio perché la peculiarità dell’oggetto è quella di poter roteare attorno al suo asse centinaia di volte al minuto.

Il Fidget spinner - o Hand Spinner - in poche settimane è balzato in cima alle richieste dei più piccoli e non solo, e ha costretto molti genitori a imparare dove si compra, dai comuni negozi di giocattoli e in edicola, fino ai soliti Amazon e eBay, e quanto costa, con un prezzo che oscilla dai pochi centesimi fino a una media di 5 euro, anche se non mancano stramberie con prezzi da record.

Nasce come giochino antistress ma è consigliato ai ragazzi che soffrono di deficit di attenzione e iperattività, e in generale anche a chi vuole allenare un po’ la propria concentrazione e liberarsi, ad esempio, dalla dipendenza da smartphone. Il fidget spinner può davvero aiutare i bambini con problemi d’attenzione? Alcune ricerche hanno valutato di sì, anche se in tutto il mondo non sono pochi gli insegnanti che invece si sono schierati contro, vista la distrazione che porta tra i banchi di scuola.

Leggi anche Trucchi Fidget spinner: i video per conoscere le migliori mossi

Come tante tendenze, è partito dagli Stati Uniti, dove è stato inventato vent’anni fa da una signora per intrattenere la figlia, poi si è diffuso tra nelle scuole britanniche e oggi è arrivato in Italia. Nell’ultimo mese è apparso anche sulle bancarelle nelle vie del centro e in questo articolo vediamo come funziona e cos’è il Fidget Spinner.

Da molti è stato definito lo “yo-yo del terzo millennio” e già i più giovani e gli adolescenti ne possiedono uno per sfidarsi nel mantenerlo in movimento come un picchio girevole o nel tenerlo in equilibrio sulle dita.

Fidget spinner, cos’è e come funziona?

Il fidget spinner è un oggetto davvero molto semplice: si tratta di un cuscinetto a sfera bi o trilobato che si tiene tra due dita e riesce a roteare su se stesso grazie a un gioco di cuscinetti.

Inoltre, il gadget è anche semplicissimo da usare. Basta infatti tenere tra due dita la parte centrale, che consiste in un cuscinetto a sfera ricoperto, e con le dita libere, o con l’altra mano, dare l’impulso di movimento sulle estremità che non smetteranno più di girare attorno al perno centrale.

Per farlo ruotare al meglio bisogna esercitare una torsione sull’oggetto. Il funzionamento consiste nel mettere in moto il sistema di cuscinetti a sfera, che possono essere molto più complessi man mano che il modello si fa più avanzato.

Chiaramente, migliore è la qualità dei cuscinetti a sfera, migliore è il rendimento e maggiore è il prezzo.

Chi ha inventato il Fidget spinner?

L’oggetto nasce nel 1997 dalla fantasia di Catherine Hettinger, oggi 62 anni, una donna della Florida che vent’anni fa ha inventato questo gadget per intrattenere la figlia di sette anni. In quel periodo, la donna soffriva di un affaticamento ai muscoli e non poteva passare troppo tempo giocando con la bambina, quindi ha ideato questa rotella per farla giocare. Inizialmente con una versione diversa, divenuta poi il fidget spinner che oggi conosciamo.

La storia del giocattolo, però, ha un risvolto triste: infatti la donna, conscia di aver avuto una brillante quanto semplice idea, depositò il brevetto dal 1997 al 2005 e sfiorò un contratto con la Hasbro, che ne aveva previsto un lancio mondiale. Il colosso dei giocattoli si tirò indietro e la Hettinger, in difficoltà economiche, rinunciò a rinnovare il brevetto di 400 dollari. Oggi, quindi, l’inventore del fidget spinner non sta guadagnando nulla dall’enorme successo del gioco da lei progettato.

Oggi ha messo su una campagna di crowdfunding per vendere il prototipo originale, sperando così di rifarsi della beffa.

Fidget spinner, dove si compra e quanto costa?

In poco tempo è diventato l’oggetto richiesto da tutti i giovanissimi: il fidget spinner si trova già sulle bancarelle di molte città d’Italia, al prezzo di cinque euro, ma si può trovare nei negozi di giocattoli, in edicola e online.

Come fu per lo yo-yo dei primi anni Duemila, anche di questo gadget ci sono diverse versioni per tutte le fasce di prezzo. Su Instagram, ad esempio, ci sono foto e video da ogni parte del mondo in cui si vedono fidget spinner personalizzati, metallici, colorati e altamente performanti.

Nella versione italiana di Amazon ci sono già oltre 4mila inserzioni disponibili, per fidget spinner di ogni genere e ogni prezzo: dalle versioni base da 1 euro, a quelli in materiali pregiati o quelli da collezione fino ai 1.300 euro per quelli realizzati in lega di zinco o i 4.000 euro, un record. Si trovano anche molti prezzi attorno ai 100 euro, anche se la maggior parte non va oltre i 3 euro di prezzo.

A cosa serve il Fidget Spinner e fa davvero bene alla salute?

I benefici reali del gadget si mescolano alla promozione massiccia che lo ha accompagnato in ogni Paese. In realtà, non ci sono ricerche che ne possano confermare un calo dello stress e un aumento della concentrazione.

Mark Rapport, psicologo dell’Università della Florida, ha illustrato come l’utilizzo di un gadget del genere possa rappresentare più una distrazione che un beneficio per la concentrazione.

La pensa diversamente, ad esempio, Claire Heffron, terapeuta pediatrica di Cleveland, che ritiene il fidget spinner non un giocattolo che distrae ma uno strumento che può essere utilizzato in modo strategico per gestire il comportamento degli alunni in classe. Pareri concordi e pareri discordi, dunque, provengono anche dall’ambito scientifico, mentre nelle scuole il fidget spinner già ha sollevato un giudizio unanime: distrae gli alunni.