Autore: Chiara Ridolfi

Virginia Raggi - Comune di Roma - Governo

5
Ott

Scintille tra Calenda e Raggi: il tavolo su Roma fa già discutere

Carlo Calenda dà un ultimatum a Virginia Raggi: entro 48 ore si deve verificare la disponibilità della sindaca a lavorare.

Il tavolo di confronto tra Virginia Raggi e Carlo Calenda è stato fissato per il 17 ottobre, ma il comportamento della sindaca di Roma sta facendo innervosire tutti. Il Ministro dello Sviluppo economico lamenta infatti l’impossibilità di parlare con il sindaco della Capitale, con cui è riuscito ad avere solo qualche scambio di sms di circostanza.

Il comportamento di Virginia Raggi e del suo staff ha quindi fatto perdere la pazienza a Calenda, che si comincia a chiedere se la sindaca sia ben disposta per il tavolo di confronto.
La situazione del tavolo Roma sta rapidamente superando la soglia del ridicolo [...] dal 21 settembre scorso, giorno in cui abbiamo inviato la prima lettera per l’avvio del tavolo, cerco di parlare con la sindaca di Roma in merito al lavoro preliminare da svolgere in vista della riunione fissata il 17 ottobre.

Calenda spiega di quanto sia importante in questo momento iniziare i lavori di preparazione per il tavolo di discussione e cominciare a stabilire gli argomenti. Un tavolo che parte quindi con il piede sbagliato e che per Calenda mostra la poca disponibilità della sindaca della Capitale di collaborare.

Tutte le altre istituzioni, a partire dalla regione e dalle associazioni si sono immediatamente attivate mettendo a disposizione idee, progetti, staff e tecnici, l’unico riferimento individuato dalla sindaca è il suo portavoce. A questo punto ritengo urgente incontrare la sindaca nelle prossime 48 ore per verificare la reale disponibilità a proseguire nel percorso individuato con il tavolo

Scatta quindi l’ultimatum del ministro dello Sviluppo economico che chiede alla sindaca di Roma di mostrare la sua disponibilità ad avere un dialogo costruttivo. Le altre forze politiche hanno infatti deciso di adeguarsi all’agenda di Virginia Raggi ed il tavolo è stato fissato il 17 ottobre per impegni della sindaca.
Dopo questo contatto però, dice Calenda, non si è riuscito più ad avere una comunicazione con la sindaca.

Ad oggi non sono riuscito ad avere un contatto diverso da un sms di circostanza; continuo però a ricevere lettere sconclusionate sui più vari argomenti
Adesso la parola passa alla sindaca della Capitale, che dovrà dimostrare la sua disponibilità al dialogo.