Autore: Ilaria Roncone

Pensione - INPS - Matteo Salvini

12
Set

Pensioni novità, Salvini dice: “Quota 100 a 62 anni”

Salvini ha annunciato a Porta a Porta che la Legge Fornero verrà smantellata già a partire dal 2018 e che Quota 100 sarà destinata ai lavoratori già a partire dai 62 anni di età. Ma ci sono le coperture necessarie?

Ormai manca poco alla Manovra 2019 e il ministro Salvini è tornato a parlare di pensioni, questa volta nel salotto di Bruno Vespa. La sua intenzione sarebbe quella di “smontare la Legge Fornero” già a cominciare dal 2018 e rifondare il sistema previdenziale su una nuova ricetta: in pensione a 62 anni con 38 anni di contributi. A Porta a Porta Salvini ha affermato: “Quota 100 con 64 anni? No, è assolutamente troppo alto, io ho chiesto al massimo 62″.

Quota 100: la proposta della Lega

Matteo Salvini rilancia, dunque. In pensione a 62 anni con un minimo di 38 anni di versamenti e pensione dopo 41 anni di contributi versati allo stato, a prescindere dall’età. Salvini conferma il suo sostegno a una soglia senza vincoli per il superamento della Legge Fornero. Ma è possibile?

Il presidente dell’Inps, Tito Boeri, ha stimato qualche tempo fa quanto costerebbe l’introduzione di Quota 100 che Salvini e Di Maio prevedono per il superamento della Legge Fornero. L’istituto previdenziale ha calcolato che, senza vincoli, Quota 100 verrebbe a costare fino a 20 miliardi l’anno. Scegliendo di mandare in pensione le persone con un minimo di 64 anni di età, il costo scenderebbe a 18 miliardi di euro e ancora di due miliardi - quindi a 16 miliardi di euro - se le persone avessero minimo 65 anni per poter sfruttare Quota 100.

Scegliendo invece di mantenere la legislazione attualmente in vigore sui requisiti di anzianità per la pensione, il costo sarebbe di 8 miliardi l’anno e di 4 miliardi nel primo anno di applicazione. Inoltre l’Inps sostiene anche che mandare le persone in pensione con Quota 100 o Quota 41 significherebbe aumentare nell’immediato la popolazione dei pensionati di 750mila persone.

Quanto costerebbe Quota 100 a 62 anni e dove trovare i soldi?

Secondo le prime stime, la riforma delle pensioni che propone il governo giallo-verde potrebbe arrivare a costare, come già accennato, 20 miliardi al lordo delle tasse e oltre 13 miliardi netti. A questi soldi andrebbero aggiunti anche quelli necessari per il reddito di cittadinanza - che secondo le stime dell’Inps sarebbero 34 miliardi, manovra particolarmente cara al Movimento.

Da dove arriveranno questi soldi? Attualmente la sola fonte sicura di entrata sarebbe la pace fiscale, che Salvini ha stimato di circa 20 miliardi di euro.