Autore: Serena Console

reddito - Italia - Stati Uniti - Donald Trump - Paolo Gentiloni

22
Gen

I dati sulla ricchezza mondiale dell’Oxfam alla vigilia del World Economic Forum di Davos

Alla vigilia del World Economic Forum di Davos arriva il bilancio della ricchezza mondiale pubblicato dalla ONG britannica Oxfam.

L’1% più ricco della popolazione mondiale possiede quanto il restante 99%. È quanto emerge dal rapporto della ONG britannica Oxfam che ha registrato, per l’ultimo anno, un aumento del divario tra ricchi e poveri nel mondo.

Secondo gli ultimi dati della ONG britannica, l’82% dell’incremento di ricchezza netta registrato nel mondo tra marzo 2016 e marzo 2017 è andato in tasca all’1% della popolazione mondiale, mentre al 50% più povero, circa 3,7 miliardi di persone, non è arrivato nulla.

Il rapporto dell’Oxfam porta il titolo Ricompensare il lavoro, non la ricchezza ed ha utilizzato i dati elaborati dal Credit Suisse, che ha tenuto conto delle condizioni che arrivano sui nuovi ricchi di Russia, India e Cina.

L’indice sul lavoro

Il divario più ampio di ricchezza e povertà si registra negli Stati Uniti: secondo il rapporto Oxfam, in un giorno di reddito di un amministratore delegato americano è pari a un anno di salario di un dipendente della stessa azienda.
In tutto il mondo il contrasto della ricchezza diventa più evidente se si considera che ogni due giorni si registra l’arrivo di un nuovo miliardario.

L’indice di Oxfam, in quest’ultimo rapporto, è puntato sul lavoro, sempre più sotto-retribuito e precario.
Proprio per questo l’ONG britannica propone di porre un tetto ai super stipendi dei top manager, per impedire ed alleviare il divario di disuguaglianze di ricchezza detenuta dalla popolazione mondiale.

Un altro dato allarmante è quello che analizza il divario salariale tra uomini e donne. Le donne, infatti, percepiscono il 23% in meno rispetto ai loro colleghi uomini, a prescindere dalle fasce di ricchezza e dai lavori svolti.

La situazione in Italia

In Italia la forbice della disuguaglianza è molto ampia e la ricchezza del paese è posseduta solo in poche mani: a metà 2017 il 20% più ricco degli italiani deteneva oltre il 66% della ricchezza nazionale netta, il successivo 20% ne controllava il 18,8%, lasciando al 60% più povero appena il 14,8% della ricchezza nazionale.

Quindi, la quota di ricchezza dell’1% più ricco degli italiani supera di 240 volte quella detenuta complessivamente dal 20% più povero della popolazione.

Il World Economic Forum di Davos

Il rapporto dell’Oxfam è stato presentato proprio alla vigilia del World Economic Forum, che prende il via oggi nella città elvetica di Davos. La 48esima edizione del World Economic Forum, per cinque giorni, accoglierà oltre 3.000 grandi del panorama politico ed economico mondiale.

Tra questi, saranno presenti anche il presidente americano Donald Trump, il premier italiano Paolo Gentiloni e il ministro dell’economia, Pier Carlo Padoan.
Il vertice internazionale di quest’anno ha sul tavolo il tema Creare un futuro condiviso in un mondo frammentato.