Autore: Elena Ametrano

Donne - Libri

14
Nov

Elena Ferrante: premio Elsa Morante alla carriera. Il contenuto che vince sul contenitore

L’iconica scrittrice senza volto Elena Ferrante, ottiene il riconoscimento del premio Elsa Morante alla carriera. La cerimonia di premiazione sarà il prossimo 16 novembre all’auditorium Rai di Napoli.

La parabola ascendente di Elena Ferrante non accenna a frenarsi e dopo i milioni di copie vendute arrivano anche importanti riconoscimenti alla sua figura letteraria.
La misteriosa scrittrice, riceverà il premio alla carriera Elsa Morante il prossimo 16 novembre all’auditorium Rai di Napoli.

Il premio Elsa Morante è stato istituito nel 1986 grazie all’impegno dell’Assessorato alla cultura di Procida con l’obiettivo di commemorare una delle scrittrici donna più emblematiche e talentuose del Novecento e dare risalto a prodotti editoriali che per immagine e contenuti fosse all’altezza del suo nome.

Elena Ferrante nel panorama letterario italiano è sicuramente un vero e proprio caso editoriale. Dalla sua prima pubblicazione, L’Amore Molesto del 1992 sino all’ultima sua fatica L’Amica geniale, volume quarto, la scrittrice ha deciso di mantenere l’anonimato e continuare a farsi conoscere non per il suo volto ma per ciò che è stata capace di pubblicare.

Che sia una trovata meramente commerciale o semplicemente una personale esigenza creativa, Elena Ferrante oggi costituisce una delle voci femminili più rilevanti e influenti della narrativa sia italiana che internazionale così come ha dichiarato il Times nel 2016. Una gemma rara in un sistema mediatico in cui siamo esposti in maniera invasiva e continuativa alle immagini, che ha saputo ridare valore ad un certo tipo di scrittura, ad un contenuto che ha saputo superare il contenente.

Con Elena Ferrante tutte le dinamiche promozionali sono state interamente ribaltate. L’anonimato ha sicuramente contribuito a mantenere alto l’hype ma i contenuti, la veridicità dei racconti, l’empatico ma invisibile legame con il lettore hanno consentito di trasformare un caso editoriale in una radicata presenza, dimostrando quanto il lettore contemporaneo abbia l’autonomia e le competenze per conoscere un prodotto narrativo a prescindere dalle politiche commerciali.

Con il premio Elsa Morante, patrocinato dalla Rai, si celebra la carriera di una scrittrice che è riuscita a vendere milioni di copie in tutto il mondo grazie alla semplicità della sua riservatezza che si traduce in un ritmo del racconto delicato, pulito, senza fronzoli, con tratti autobiografici che riescono a rivelare l’anima della scrittrice meglio di quanto potesse fare la sua immagine.

All’auditorium Rai di Napoli il prossimo 16 novembre in occasione della trentunesima edizione del premio Elsa Morante, a ritirare il premio al posto della scrittrice, gli editori Sandro Ferri e Sandra Ozzola.