Autore: Ilaria Roncone

Disoccupazione - Lavoro

3
Ott

Disoccupazione giovanile: Istat registra un miglioramento

Ad agosto l’Istat ha tracciato un miglioramento al 35,1% della disoccupazione giovanile. In diminuzione il tasso delle persone senza lavoro: 11,2%.

Il tasso di disoccupazione si attesta ad agosto 2017 in calo di 0,2 punti percentuali rispetto a luglio e di 0,4 punti percentuali rispetto ad agosto 2016. Un tasso di disoccupazione, quindi, che scende all’11,2%, comunica l’Istat.

A livello pratico si parla – con una stima provvisoria – di un aumento degli occupati di 36 mila persone rispetto a luglio e di 375 mila rispetto ad agosto dell’anno scorso.

In particolare è la disoccupazione giovanile nella fascia tra i 15 e i 24 anni che scende al 35,1%, calando di 0,2 punti percentuali rispetto a luglio e di 2,2 punti rispetto al 2016.

Il tasso di occupazione sale quindi al 58,2% e questa crescita riguarda tutte le classi di età eccetto la fascia 35-49 anni – fatto dovuto alla componente femminile e ai lavoratori a termine. Per quanto riguarda il tasso di occupazione femminile, 48,9% è il dato più alto relativo al mese da gennaio 2004 e relativo alle serie storiche trimestrali (primo trimestre 1977).

La crescita maggiore degli occupati si è verificata tra gli ultracinquantenni e la fascia tra i 15 e i 34 anni. Il calo di occupati nella fascia 35-49 anni si deve soprattutto al calo demografico di questa categoria.

Crescono gli occupati e calano dia gli inattivi che le persone in cerca di lavoro

Per quanto riguarda la ricerca del lavoro, si stima che a agosto è calata rispetto a luglio dell’1,4% (meno 42 mila). Gli inattivi tra i 15 e i 64 anni sono leggermente in calo. Questa diminuzione è dovuta in particolare alle donne e alla fascia 15-34 anni, a fronte di un aumento tra uomini e over 35.

L’inattività si attesta stabile al 34,3%, tuttavia nel trimestre giugno-agosto – rispetto a quello precedente – la crescita degli occupato è stata accompagnata dal calo dei disoccupati e un leggero calo degli inattivi.

Numeri sul lavoro in positivo dall’Eurozona

In positivo sì, ma sicuramente ancora non abbastanza il miglioramento dei numeri del lavoro in Italia, confermato anche dall’Eurozona. La disoccupazione a agosto era attestata al 9,1%, stabile rispetto a luglio e in calo rispetto a agosto dell’anno precedente (9,9%).

Anche se rimane il tasso più basso di disoccupazione registrato da febbraio 2009, nell’Ue di è al 7,6%, dato in calo di 0,1 punti percentuali rispetto a luglio e 0,9 rispetto a agosto 2016. Il dato, in questo caso, è il più basso da novembre 2008.