Autore: Serena Console

Corea del Nord

9
Feb

Chi è Kim Yo-jong? Bio e carriera politica della donna attesa alle Olimpiadi invernali

Chi è Kim Yo-jong, la sorella del dittatore nordcoreano che sta facendo parlare di sé durante le Olimpiadi invernali a PyeongChang?

Tutti - più o meno - sanno chi è Kim Jong-un, ma in pochi sanno rispondere alla domanda: chi è Kim Yo-jong? La donna più attesa alle Olimpiadi Invernali 2018 a PyeongChang, in Corea del Sud, è la sorella del dittatore della Repubblica Popolare Democratica di Corea, ovvero la Corea del Nord.

Sul suolo sudcoreano non si vedeva la presenza di un membro della dinastia dei Kim in visita ufficiale dal 1948. Durante la cerimonia di apertura dei Giochi Olimipici, la sorella minore di Kim Jong-un è stata saluta con una stretta di mano dal presidente sudcoreano Moon Jae-in che, da quando si è insediato nella Casa Blu, ha sempre lavorato per attivare un dialogo tra i due paesi, nonostante le minacce nucleari operate dallo stesso leader nordcoreano.

La partecipazione della delegazione nordcoreana ai Giochi olimpici invernali di Pyeongchang, guidata da Kim Yong-nam, il più alto funzionario di Pyongyang mai in visita al Sud, potrebbe porre le basi per un disgelo tra i due paesi della penisola coreana.

Chi è davvero Kim Yo-jong? bio e carriera politica

Kim Yo-jong è la fedele consigliere del dittatore nordcoreano Kim Jong-un, nonchè sua sorella minore. La probabile trentenne Kim Yo-jong è la più giovane dei sette figli che il vecchio leader Kim Jong-il, il Presidente eterno della Corea del Nord, che ebbe nel corso della sua vita da quattro differenti mogli. La giovane Kim è figlia però della stessa madre di Kim Jong-un, Ko Yong-hui.

I rapporti tra i due fratelli sembrano essersi intensificati durante gli studi in Svizzera, a Berna alla fine degli anni 90. Al ritorno in patria pare che la giovane Kim abbia studiato informatica presso la prestigiosa università Kim Il-sung a Pyongyang.

Secondo molti analisti politici, sembra che dietro la costruzione dell’immagine del leader coreano Kim Jong-un ci sia proprio la sorella Kim Yo-jong.

Solo lo scorso ottobre è divenuta membro supplente del Politburo del Partito dei Lavoratori, vicino il centro del potere nordcoreano, mentre è dal luglio 2015 che ha assunto la guida di fatto del Dipartimento Propaganda e Agitazione, ponendosi come regista occulta della propaganda dell’immagine del fratello nel paese e nel mondo.

Ad eccezione dell’attenzione mediatica degli ultimi mesi, Kim Yo-jong si è sempre presentata davanti le telecamere di stato accompagnando il giovane dittatore nordcoreano.

La sua prima apparizione pubblica si registra nel 2010, quando fu fotografata tra i partecipanti alla Terza Conferenza del Partito dei Lavoratori della Corea. Nel dicembre dell’anno successivo, grande risalto ebbe la sua partecipazione ai funerali di Kim Jong-il: era infatti alla guida del corteo funebre e accanto al fratello, futuro leader del paese.

Nel 2012, Kim Yo-jong avrebbe ricoperto un ruolo di primo piano nella Commissione per la Difesa Nazionale, ma è sempre rimasta nell’ombra fino al marzo del 2014, quando accompagnò suo fratello Kim Jong-un al seggio durante le elezioni per la Suprema Assemblea del Popolo.

La seconda donna più importante del paese ha sposato all’inizio del 2015 Choe Song, il figlio del vice capo del partito dei Lavoratori; nello stesso anno, dall’unione dei due, è nato il loro primo figlio.

Gli Usa guardano la sorella del leader coreano

Kim Yo-Jong è sulla lista nera statunitense per gravi violazioni dei diritti umani. Ciò nonostante, la presenza della sorella del leader nordcoreano è stata ben accolta dalla presidenza sudcoreana.

Oggi infatti, in tribuna d’onore, a pochi metri di distanza, erano seduti Kim Yo-jong e il vice presidente americano Mike Pence che, prima della cerimonia di apertura dei Giochi, ha dato forfait alla cena tra le due delegazioni della penisola coreana.

Durante la cerimonia, le squadre sportive dei due paesi hanno marciato sotto un’unica bandiera, quella che ritrae in blu una penisola unita su sfondo bianco.