Autore: Daniela Scaturro

Automobili - moto - Italia

19
Lug

Autovelox nuova legge: via la segnaletica. Cosa sta succedendo, perché e cosa cambierà?

Autovelox nuova legge in arrivo: via la segnaletica che ne informa la presenza. Cosa sta succedendo, perché e cosa cambierà per gli automobilisti?

Per l’Autovelox una nuova legge è al vaglio: via la segnaletica stradale che avvisa gli automobilisti della loro presenza.

Autovelox nuova legge: via la segnaletica. Cosa sta succedendo?

Da qualche settimana il Governo Italiano sta vagliando alcune proposte provenienti da diversi gruppi politici per applicare un nuovo decreto legge che riguarda l’eliminazione della segnaletica che informa della presenza di Autovelox e Tutor su strade e autostrade.

Presto sparirà il rinomato cartello «Attenzione: controllo elettronico della velocità», tanto amato da tutti gli abituali trasgressori del limite.

Autovelox nuova legge: via la segnaletica. Perché?

Ufficialmente, il motivo per cui il Governo ha deciso di eliminare queste segnalazioni è la pericolosità.

La maggior parte degli automobilisti quando si trova di fronte a cartelli che intimano un adeguamento ai limiti di velocità, per via di Autovelox o Tutor nei paraggi, tende ad inchiodare bruscamente anziché rallentare piano piano, per evitare di prendere una multa.

Oppure avvengono dei cambi di direzione improvvisi, manovre azzardate, che rendono impossibile per le autovetture retrostanti prevederle.

Queste, dopo la guida sotto sostanze stupefacenti, sono le cause principali di tamponamento o incidente in autostrada.

Il Procuratore Generale di Roma, Giovanni Salvi, ha dichiarato:

Il fatto di segnalare con anticipo un controllo di polizia è una cosa illogica e che molte volte rende di fatto inutile il pattugliamento.

Levare queste segnalazioni preventive rimetterà legalità sulle nostre strade: deve passare il concetto che gli automobilisti devono sempre viaggiare entro i limiti di velocità, non solo quando ci sono i controlli.

È per una questione di sicurezza: quando gli automobilisti si trovano davanti cartelli del genere inchiodano improvvisamente, diventando un pericolo per se stessi e per gli altri.

La decisione di eliminare i cartelli che informano degli Autovelox e dei Tutor ha destato non poche polemiche. Soprattutto perché le reali motivazioni non sembrano esclusivamente quelle dichiarate dal Procuratore Generale di Roma, ossia il miglioramento della sicurezza, ma di natura economica.

Questo decreto legge porterà ad un incremento sostanziale delle multe, con conseguente introito nelle casse del Comune.

Autovelox nuova legge: via la segnaletica. Cosa cambierà?


Sicurezza e introito comunale sembrano essere un binomio vincente, quindi il decreto legge non tarderà ad arrivare.

Questa iniziativa del Governo porterà dei cambiamenti.

L’Autovelox è nato come deterrente ma nella sostanza, per via della segnaletica stradale che ne informa la presenza, non sta svolgendo il suo compito appieno. Sembra quasi un controsenso: si crea un sistema per punire i trasgressori ma alla fine si finisce per agevolarli.

Una volta avvenuta l’attuazione verrà punito un maggior numero di persone, e la paura di essere «beccati» fungerà veramente da deterrente.

Verrà effettuato un controllo capillare da parte della polizia postale per ricercare chi fornisca attraverso siti internet, applicazioni per smartphone e pc, gruppi Facebook o altro indicazioni circa la posizione degli Autovelox e dei Tutor. Chi infrangerà le nuove disposizioni sarà soggetto a multe salatissime.