Autore: Rosaria Imparato

Italia - Francia - Svizzera

18
Feb

Valanghe sulle Alpi in Francia, Svizzera e Alto Adige

Domenica di valanghe sulle Alpi in Francia, Svizzera e Alto Adige. Hanno perso la vita 3 persone, ma in località diverse.

Sarà difficile dimenticare questa domenica di valanghe sulle Alpi in Francia, Svizzera e in Alto Adige. Il bilancio totale delle persone coinvolte conta 3 morti, 2 feriti e una 30ina di illesi.
Questi episodi si sommano agli altri incidenti che sono avvenuti sulla neve nelle scorse settimane, come i due morti nel lecchese e un’altra vittima in Piemonte, trascinato a valle da una lastra di neve che aveva ceduto.

Valanghe sulle Alpi in Svizzera

Domenica 18 febbraio era già iniziata con una valanga nel Vallese, nella Svizzera meridionale, in cui due alpinisti sono rimasti feriti.
Facevano parte di un gruppo di 10 sciatori, ma solo loro 2 sono rimasti coinvolti perché gli altri, al momento della slavina, si trovavano a monte della valanga.

L’allarme è stato dato da un altro sciatore che in quel momento era in escursione.
Il portavoce della polizia Steve Lèger ha riferito che i due alpinisti feriti sono stati portati in ospedale dai soccorritori.

L’incidente si è verificato nella regione di Finhault, a poca distanza dal confine con la Valle d’Aosta, a circa 2500 metri di altitudine.
La polizia cantonale ha chiesto cautela, visto che il pericolo valanghe è di 3 su 5 e diverse slavine si sono già verificate al di fuori delle piste in sicurezza.

Valanghe sulle Alpi in Francia

In Francia, invece, il bilancio è più pesante: 3 morti in Alta Savoia.
Un 29enne ha perso la vita in un fuori pista a Etale, nella zona nota come “Le Combe à Claudius”. Il giovane è morto mentre veniva trasportato all’ospedale in elicottero, dopo essere rimasto sepolto dalla neve a causa di un cedimento di un cornicione di ghiaccio sotto i sui sci.

A Pisailles, in Val d’Isère, non molto distante, una valanga ha travolto un uomo di 44 anni e la figlia di 11, uccidendoli mentre sciavano su una pista battuta, che era stata chiusa proprio giovedì 15 febbraio per pericolo valanga.

Valanghe sulle Alpi in Alto Adige

In provincia di Bolzano, a Racines, un gruppo di 20 scialpinisti austriaci è stato travolto da una slavina mentre scendeva dal monte Fumaiolo, a oltre 2.300 metri di quota.

Non ci sono state vittime, ma alcuni sono rimasti sotto la neve: con l’aiuto degli altri scialpinisti e del soccorso alpino, sono riusciti tutti a riemergere.
Una ragazza di 25 anni è stata ricoverata in ipotermia e un uomo di 30 ha riscontrato ferite non gravi, è stato portato all’ospedale di Bressanone.
Gli altri scialpinisti, dopo il salvataggio, sono tornati nel rifugio a valle.
Anche nella località italiana il pericolo valanghe era stato segnalato come marcato, di 3 su una scala da 1 a 5.