Autore: Chiara Ridolfi

Matteo Renzi - PD

5
Mar

Renzi si è dimetterà? Possibile addio alla segreteria del Pd dopo il disastro elettorale

Il segretario del Pd Matteo Renzi si è dimetterà dopo la pesante sconfitta che ha subito la sua figura in queste elezioni 2018? Il sostituto potrebbe essere Gentiloni? Cerchiamo di capire cosa succederà nelle prossime ore.

Renzi infine si è dimesso? Troppo umiliante la sconfitta delle elezioni politiche che lo hanno visto sotto la soglia del 20% con il suo Partito Democratico e porta le dimissioni ad essere dietro l’angolo.
Il portavoce del segretario ha smentito le voci che circolavano su un suo abbandono, ma la decisione potrebbe essere dietro l’angolo.

Renzi potrebbe infatti decidere di lasciare la guida del Partito Democratico, dal momento che i voti giunti al suo partito sono di gran lunga inferiori a quelli che si attendeva. La conferenza stampa del segretario del Pd si terrà alle ore 17:00 di oggi e solo allora si avranno delle notizie certe sul possibile abbandono della sua posizione.
Si comincia quindi a pensare a chi potrebbe essere il sostituto che andrebbe a guidare il partito che esce da queste elezioni a dir poco stravolto.

In molti credono che la guida del Partito democratico potrebbe essere affidata a Gentiloni che piace molto all’elettorato per i risultati raggiunti con il suo governo. Tra i nomi dei papabili vi è anche quello di Delrio, che potrebbe traghettare il Pd fino alla prossima consultazione popolare che sceglierà il segretario del partito.
In molti credono che Renzi potrebbe decidere di fare un passo indietro scegliendo di fondare un proprio partito e distanziandosi dal Pd, di cui ormai non rispecchia più le idee.

Una situazione complessa quella dei dem che devono fare i conti con la realtà dei fatti: in Italia la sinistra è ormai morta. La maggior parte degli elettori ha infatti deciso di affidarsi al centrodestra o al Movimento 5 Stelle, populista e più schierato verso le idee di destra.
Il Partito democratico dovrà riuscire a rimettersi in piedi e l’unico modo per ricreare una base è proprio quello di mettere da parte il proprio segretario che ha portato il partito alla catastrofe.

Una sconfitta già annunciata quella del Pd, ma che nessuno avrebbe pensato che sarebbe stata così pesante. I nomi proposti in queste ore per il nuovo segretario Pd sono tanti e vedono anche Veltroni tra i possibile attuatori del piano B.
Per il momento l’unica certezza è che alle 17:00 vi sarà la conferenza stampa di Renzi e solo allora si potrà capire come si evolverà la situazione.