Autore: Chiara Ridolfi

Movimento 5 Stelle - Virginia Raggi - Governo

6
Ott

Raggi bacchetta Calenda: Mi dia del Lei!

Virginia Raggi e Carlo Calenda si sono incontrati nella giornata di ieri e la Sindaca di Roma non ha gradito il tono confidenziale del Ministro.

Dopo lunghe attese e tanti problemi Virginia Raggi e Carlo Calenda, Ministro per lo sviluppo economico, si sono incontrati faccia a faccia. I due si sono incontrati nella giornata di ieri per discutere dei progetti preliminari del tavolo di confronto che si terrà il 17 ottobre sulle questioni più importanti della Capitale.

L’incontro non è andato però come sperava il Ministro dello Sviluppo, dato che Virginia Raggi ha subito messo in chiaro le cose. Calenda è solito “dare del tu” negli incontri, perché ritiene che in questo modo le persone tendano ad avvicinarsi e fare squadra.
Anche negli incontri con Chiara Appendino, sindaca di Torino ha sempre usato un tono molto colloquiale e ha dato del tu alla sindaca. L’esponente del Movimento 5 Stelle invece ha sempre dato del Lei al Ministro per rispetto e per mantenere le distanze.

Virginia Raggi ha tenuto a precisare che il tono doveva rimanere formale e ha esplicitamente detto al Ministro Calenda: “Mi deve dare del Lei”. I due infatti non si erano mai incontrati prima di quel momento e la situazione era piuttosto formale, indi per cui necessitava di un tono idoneo.
Calenda invece ha usato toni confidenziali, sminuendo quasi il ruolo di Virginia Raggi nel dibattito.

Il dialogo tra i due ha proseguito teso, dal momento che nei giorni scorsi Calenda aveva rilasciato dichiarazioni alla stampa molto pesanti.
Ministro, sono molto seccata dalle sue dichiarazioni: chiedere più poteri per la città non è ridicolo” queste le parole con cui la sindaca della Capitale ha ripreso il ministro.

La Raggi ha poi cercato di far valere la propria idea e di mettere in chiaro che per la Capitale sarà importante avere un piano per lo sviluppo delle energie rinnovabili e chiede che al tavolo siano presenti anche Gentiloni e gli esponenti del Governo. Calenda però non ha intenzione di assecondare le richieste della Raggi dal momento che per il Ministro si dovrà discutere di sviluppo economico e piano industriale per la Capitale.

Un primo incontro che preannuncia quindi uno scontro muro contro muro e che probabilmente porterà ad un nulla di fatto, dal momento che la sindaca è tenace e vuole far valere la sua voce.