Autore: Marco Contini

Comune di Roma - ATAC - Virginia Raggi

31
Lug

Movimento 5 Stelle bufera per l’addio di Rota. Virginia Raggi pronta a querelare Renzi

Il Movimento 5 Stelle a Roma continua ad avere problemi per la decisione di mandare a casa Bruno Rota. Adesso il dibattito diventa politico e interviene Renzi.

Il Movimento 5 Stelle finisce nell’occhio del ciclone per la decisione presa dalla giunta di mandare a casa Bruno Rota, ex direttore generale di Atac. A far scattare il caso sono state le dichiarazioni rilasciate da Rota sulla situazione dell’azienda per la mobilità a Roma.

Rota in un’intervista spiegava infatti quanto fosse grave il debito di Atac e di come i dipendenti non fossero in grado di capire la situazione. Proprio le dichiarazioni in questione sembra che lo abbiano portato a redigere le sue dimissioni, ma non senza polemiche.

La lettera di dimissioni di Rota è infatti datata 21 luglio, mentre in diversi modi si è cercato di far vedere che l’amministrazione Raggi avesse richiesto le dimissioni. Rota ha subito smentito però dicendo di come l’amministrazione di Roma lo avesse invece pregato di rimanere.
Un vicenda complicata e che ora diventa politica con lo scontro tra Raggi e Renzi, dopo le dichiarazioni dell’ex Presidente del consiglio.

Renzi contro il Movimento 5 Stelle

Nell’azienda dei trasporti di Roma i grillini, che dovevano fare la rivoluzione, raccomandando gli amici degli amici ” queste le parole di Matteo Renzi, che ha commentato la questione Atac.
Ovviamente le dichiarazioni hanno subito portato a delle conseguenze e il Movimento ha dichiarato che inoltrerà una querela a Renzi.

Le parole di Renzi si riferiscono alla vicenda che coinvolge Stefàno, che con un messaggio avrebbe segnalato un’azienda che si occupa della biglietteria. La sindaca di Roma ha così difeso Stefàno:

L’unico messaggio che Stefàno ci ha detto di aver mandato all’ex Dg riguarda la segnalazione di una azienda di bigliettazione con tecnologie innovative. Nient’altro, e per la massima trasparenza lo pubblicherà sulla sua pagina Facebook.

L’immagine sopra è poi apparsa sul profilo Facebook di Stefàno che ha spiegato come la trasparenza sia uno dei principi cardine della sua attività politica. Ovviamente però la questione non si chiuderà qui, dal momento che al momento si deve cercare un nuovo dirigente per Atac.

Nel frattempo i Radicali continuano a raccogliere le firme per aprire una gara per il trasporto pubblico della Capitale e mandare definitivamente in pensione Atac. L’azienda è infatti piena di debiti e le condizioni del trasporto di Roma risentono della questione. Cresce inoltre il malcontento dei cittadini della Capitale con la chiusura di ben 7 stazioni della metro A.