Autore: Luca Secondino

Italia

29
Mar

La scuola italiana è la migliore d’Europa? I risultati dell’indagine Ocse

Secondo una ricerca Ocse, il nostro sistema scolastico è il più egualitario tra quelli analizzati in tutto il mondo. La scuola italiana è davvero la migliore d’Europa? Vediamo perché.

La scuola italiana è la migliore d’Europa, questo è quello che emerge da una ricerca condotta dall’Ocse, in cui sono stati presi in esame quaranta sistemi scolastici di cinque continenti. Precisamente, la nostra scuola sarebbe la più equa, dove studenti provenienti da famiglie disagiate hanno più possibilità di ottenere gli stessi voti dei coetanei più avvantaggiati.

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha portato avanti uno studio dal titolo “Come si comportano alcune coorti di studenti dell’indagine Pisa nell’indagine successiva sulle competenze degli adulti Piaac?”. Un titolo complesso che prende in esame i risultati di due test, il primo per gli studenti e il secondo sugli adulti e che in sostanza allude alla volontà di misurare come cambiano le differenze tra studenti avvantaggiati e meno abbienti dopo il diploma e con l’ingresso nella vita adulta.

Da questo punto di vista la scuola italiana funziona, almeno per gli studenti svantaggiati. Per calcolare il gap in lettura e matematica, sono stati messi a confronto i risultati di due test: il Pisa (Programme for International Student Assessment), a cui ogni tre anni si sottopongono i quindicenni di quaranta Paesi nel mondo, e il Piaac (Programme for the International Assessment of Adult Competencies), che si svolge allo stesso modo ma su campioni dai 25 ai 27 anni.

Dallo studio è emerso come in ogni parte del mondo le distanze tra studenti svantaggiati, con pochi libri in casa e con genitori con un basso livello di istruzione, e studenti avvantaggiati, con almeno cento libri in casa e con almeno un genitore laureato, con il passare degli anni crescono sempre più. In Italia, però, in età scolare il divario è il più basso d’Europa.

La scuola italiana è davvero la migliore in Europa?

Alla luce di questo viene da chiedersi se la scuola italiana sia davvero la migliore in Europa. In realtà lo studio mette in luce la capacità del nostro sistema scolastico di alleviare le distanze tra ceti e posizioni di partenza degli studenti.

Purtroppo, con l’ingresso nel mondo del lavoro e gli studi universitari, la differenza tra i due tipi di studenti diventa più ampia. Tuttavia, lo studio dimostra come in Italia i risultati tra una categoria di studenti e l’altra rimangano molto più vicini che nel resto d’Europa.

Per fare dei numeri, il gap in Italia ha un valore di 0,45, mentre in Germania è di 0,49 e in Danimarca addirittura di 0,64. In questo modo possiamo dire che la nostra scuola è la più inclusiva e egualitaria di tutte le altre europee.

Tuttavia lo studio dell’Ocse misura soltanto la differenza tra i risultati degli studenti e degli adulti divisi in due ordini di persone, e non prende in esame le eccellenze.

Il trend egualitario della scuola italiana viene confermato anche dai dati raccolti al termine degli studi superiori. Infatti fino al conseguimento del diploma, i risultati degli studenti italiani avvantaggiati e svantaggiati restano molto vicini, salvo poi dilatarsi di nuovo con l’Università e il lavoro.

La scuola italiana è la più egualitaria d’Europa?

Fin troppo spesso ascoltiamo di notizie che dimostrano come in Italia non ci sia un buon tasso di integrazione e uguaglianza, purtroppo anche nelle scuole. Tuttavia, a dispetto di quanto potremmo aspettarci dall’informazione episodica, la scuola italiana è inclusiva. Potremmo dire che il nostro sistema scolastico non faccia differenze quando si parla di istruzione.

Se fino al liceo i risultati tra studenti più o meno avvantaggiati rimangono vicini, questo è un buon risultato per l’intero sistema che riesce a equiparare studenti la cui posizione di provenienza può essere molto lontana.