Autore: Chiara Ridolfi

Silvio Berlusconi - Movimento 5 Stelle - Forza Italia

7
Nov

Berlusconi contro M5S: “Abbiamo impedito che la Sicilia cadesse nelle mani di chi non ha mai lavorato”

Un video di Silvio Berlusconi è apparso sulla pagina Facebook ufficiale del Cavaliere e le parole contro il Movimento 5 Stelle sono molto forti.

Silvio Berlusconi non cerca di far capire le cose ai suoi avversari, ma con molta schiettezza mostra la sua ostilità al Movimento 5 Stelle. Nel video apparso sulla Pagina Facebook ufficiale del Cavaliere parole di ringraziamento per gli elettori si mescolano con forti invettive contro la principale forza in campo per le elezioni politiche del 2018.

Il Cavaliere a 81 anni sembra ancora avere ben salde le redini della politica italiana e del suo partito in primis. Il video messaggio ha un format vecchio stile, con Berlusconi inquadrato che parla in camera e le foto di famiglia disposte in bella vista alle sue spalle.
Uno scenario che in molti conoscono bene e che ricorda molto i messaggi di auguri che il Cavaliere trasmetteva su Mediaset mentre era alla guida del governo.

A cambiare è però l’avversario politico, dal momento che il Pd e i partiti di centrosinistra, dopo le elezioni in Sicilia, non sembra essere più un problema. A dare problemi è invece il Movimento 5 Stelle che da solo si attesta il primo partito nell’isola siciliana e che potrebbe creare non pochi problemi alle elezioni politiche del 2018.

Berlusconi contro il Movimento 5 Stelle: le dure parole del Cavaliere

Nei giorni scorsi ho incontrato molti elettori siciliani e ho trovato molto rabbia, ma anche tanta voglia di ripartire.” Inizia in modo pacato Silvio Berlusconi che tramite il video su Facebook ringrazia i suoi sostenitori e gli elettori siciliani.
La calma però si perde dopo pochi secondi di video, quando il Cavaliere contrappone il suo partito e la sua proposta contro quella del vero avversario in campo: il Movimento 5 Stelle.

La Sicilia era di fronte ad un bivio: la nostra rivoluzione positiva o la rabbia inconcludente dei 5 Stelle. Il grande risultato di Forza Italia significa che la Sicilia ha scelto la rivoluzione del fare, la rivoluzione liberale, noi abbiamo impedito che la Sicilia cadesse in mano ai 5 Stelle, a chi non ha mai realizzato nulla, a chi non ha mai amministrato neanche un condominio, a chi non ha mai lavorato.

Parole che di certo non faranno piacere ai vertici del Movimento 5 Stelle e soprattutto agli elettori di questa forza politica. Berlusconi però sembra esser tornato in grande stile, pronto a fare campagna elettorale agguerrita e a non risparmiare nessuno.
Gli ultimi sondaggi politicivedono la coalizione di centrodestra ad un soffio dal 40%, unica forza in campo in grado di creare una coalizione in grado di governare.

Il centrodestra moderato nel linguaggio, ma capace di una radicale riorganizzazione della Cosa Pubblica.” con queste parole continua il suo discorso Silvio Berlusconi, mettendo in chiaro che quella del centrodestra è una rivoluzione costruttiva e che si oppone al populismo e alla rabbia che invece contraddistingue i grillini.

Il linguaggio moderato del centrodestra non sembra però rispecchiarsi nelle sue parole, che invece sembrano essere una vera e propria sfida. Totalmente assenti invece riferimenti al Partito Democratico, che sembra aver perso la sfida elettorale ancora prima di iniziarla.
Renzi non è più un avversario temibile e per questo Berlusconi non ritiene di doverlo nominare nel suo discorso di ringraziamento agli elettori.